Il Prefetto conferma le porte chiuse: “Non basta l’accordo commerciale stipulato dall’ACR”

Una panoramica dello stadio di San Filippo

“La Società sportiva ha acquisito la disponibilità di una ditta per 1-2 pullman da adibire al trasporto dei tifosi che intendono assistere alle partite di calcio presso lo Stadio San Filippo” si legge nella nota diramata da Trotta, secondo il quale “non sono state superate le criticità riscontrate” dal momento che manca una “pianificazione organizzativa di carattere generale”. 

Clamoroso provvedimento del Prefetto Stefano Trotta

Clamoroso provvedimento del Prefetto Stefano Trotta

Pubblichiamo integralmente la nuova nota diramata dalla Prefettura in merito all’ “incontro di calcio Messina-Benevento: determinazioni adottate nella riunione tecnica interforze odierna”:
“Nella tarda mattinata odierna il Questore ha informato la Prefettura che,  nel corso del già programmato tavolo tecnico tenutosi oggi presso quell’Ufficio per la predisposizione dei servizi di ordine pubblico in occasione degli eventi previsti per domani (sciopero generale e partita di calcio), è stato prodotto dalla ACR Messina un accordo commerciale in base al quale la Società ha acquisito la disponibilità di una ditta per 1-2 pullman da adibire al trasporto dei tifosi che intendono assistere alle partite di calcio presso lo Stadio San Filippo.

Alla luce di questa nuova circostanza, il Prefetto ha convocato immediatamente una riunione tecnica di coordinamento interforze per riesaminare la questione.

Alla Rada San Francesco fu necessario un cordone di poliziotti per scongiurare l'eventuale scontro tra tifosi del Messina e sostenitori ospiti giunti da Catanzaro

Alla Rada San Francesco fu necessario un cordone di poliziotti per scongiurare l’eventuale scontro tra tifosi del Messina e sostenitori ospiti giunti da Catanzaro

In sede di approfondimento è emerso che il citato “accordo commerciale” non soddisfa pienamente le prescrizioni contenute nella determinazione n. 26/2014 dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive in quanto non presenta i necessari requisiti di una pianificazione organizzativa di carattere generale. Pertanto il suddetto documento non è stato ritenuto sufficiente a superare le criticità riscontrate.

Si è peraltro rilevato che nulla è pervenuto da parte dell’Amministrazione Comunale, chiamata a condividere con la Società la programmazione, secondo le indicazioni fornite dal predetto Osservatorio con la citata determinazione che, all’art.4 capo I, prescrive che le società sportive, d’intesa con le Amministrazioni locali, devono predisporre specifici piani che prevedano  “…idonei e sufficienti mezzi di trasporto pubblico utilizzabili dalle tifoserie, con particolare riferimento a quelli da destinare ai sostenitori della squadra ospite per il trasferimento dalla stazione ferroviaria all’impianto sportivo e viceversa”.

Il cordone di Forze dell'Ordine scongiurò lo scontro fisico tra opposte fazioni

Il cordone di Forze dell’Ordine scongiurò lo scontro fisico tra opposte fazioni

I componenti del Consesso hanno pertanto rilevato unanimemente il permanere della carenza organizzativa che ha determinato l’adozione dell’ordinanza prefettizia del 10 dicembre scorso e che, a giudizio dell’Osservatorio, costituisce “grave carenza strutturale, idonea a provocare conseguenze negative per la sicurezza degli spettatori” e a “…..determinare la chiusura dello stadio”.

Le decisioni assunte in sede di riunione tecnica interforze sono state comunicate alla Società e al Comune e nella medesima lettera è stata rappresentata la disponibilità del Questore a supportare i soggetti sopra indicati nella predisposizione della pianificazione, qualora ritenuto opportuno e richiesto.

Il Prefetto ha peraltro chiesto formalmente al Presidente dell’ACR e al Sindaco di smentire ufficialmente le false affermazioni riportate dagli organi di stampa e relative alla ricezione della lettera-diffida del 5 dicembre scorso”.

Commenta su Facebook

commenti