Il Messina si gioca la carta estera con il difensore portoghese Hélder Baldé

Helder BaldeHelder Balde in azione con il Desportivo Aves

Dopo avere puntellato tutti i reparti il Messina cerca di rinforzare ulteriormente la difesa che, nonostante un secondo tempo da incorniciare a Viterbo, ha ballato un po’ nella prima frazione. Mercoledì mattina, in occasione del secondo allenamento settimanale, con i compagni ci sarà anche il centrale portoghese Hélder Baldé, che si aggregherà per un periodo di prova.

Helder Balde

Helder Balde ha esordito nella A portoghese con il Desportivo Aves

Il direttore sportivo Pasquale Logiudice, che qualche anno fa lo visionò all’estero, non ha dubbi sulle sue qualità tecniche ed è convinto che potrebbe garantire un ulteriore balzo in termini di competitività, anche grazie ad una grande struttura fisica. Il 24enne originario di Lisbona, alto ben 196 centimetri, esordì d’altronde cinque anni fa anche nella Nazionale Under 20 del suo paese, contro la Repubblica Ceca, dopo avere mostrato buoni numeri soltanto qualche mese prima nell’Under 19, contro Slovacchia e Norvegia.

A livello di club la crescita nelle giovanili del Benfica, con cui scese in campo nella B portoghese, e l’esperienza nel Desportivo Aves, con cui si alternò tra la formazione Under 23 e la prima squadra, disputando anche una partita nel massimo campionato nel settembre 2019 sul campo del Vitória Guimarães. A condizionarlo alcuni problemi fisici, con l’ultima avventura in Svizzera, nella formazione B del Lugano e un periodo di inattività che alimenta qualche interrogativo.

Helder Balde

Per Helder Balde un’esperienza in Svizzera con il Lugano

Conscio del suo passato importante, il Messina lo metterà sotto contratto soltanto se arriveranno garanzie sulle sue condizioni, altrimenti dovrà essere nuovamente sondato il mercato italiano, che pure non sembra offrire soluzioni gradite al club. Oltre che per il centrale l’Acr, confortato dal rientro in gruppo di Nicolò Fazzi, lavora anche per un esterno sinistro, per colmare una storica lacuna dell’organico allestito in estate.

Il presidente Pietro Sciotto, che si è confrontato nuovamente con il suo nuovo uomo mercato, ha compiuto uno sforzo economico consistente per assicurarsi gli arrivi di Fumagalli, Ferrara, Kragl e Perez. La società è consapevole di dovere muoversi ancora ma ha le mani legate dalla rosa già piuttosto ampia, composta da 27 elementi a fronte dei 24 inseribili in “lista”. Sforare determinati paletti in termini di ingaggi imporrebbe d’altronde anche la necessità di una fideiussione aggiuntiva oltre a quella presentata in estate all’atto dell’iscrizione, con un nuovo esborso supplementare per la proprietà.

Helder Balde

Helder Balde è cresciuto nelle giovanili del Benfica

In uscita restano un portiere, un difensore (Ferrini rientrerà al Renate soltanto se verrà individuata una nuova destinazione) e almeno un attaccante, con Ngombo che sembra ormai fuori dai radar dello staff tecnico. Fuori lista potrebbero finire anche i lungodegenti Angileri e Piazza, che resterebbero comunque a libro paga. Altre partenze come quella di Camilleri, subito in campo con l’Imolese sconfitta a Siena, consentirebbero ulteriore margine di manovra e altri puntelli anche dal centrocampo in su. Ma la priorità al momento restano i due rinforzi in difesa.

Questa la rosa aggiornata dell’Acr Messina. 
Portieri – Riccardo DAGA (2000), Ermanno FUMAGALLI (1982), Michal LEWANDOWSKI (1996).
Difensori – Antony ANGILERI (2001), Gabriele BERTO (2003), Nicolò FAZZI (1995), Michele FERRARA (1993), Manuel FERRINI (1998), Giuseppe FILÌ (2002), Daniele TRASCIANI (2000).
Centrocampisti – Marco FIORANI (2002), Lamine FOFANA (1998), Amara KONATE (1999), Oliver KRAGL (1990), Andrea MALLAMO (2002), Roberto MARINO (1998), Paolo NAPOLETANO (2002), Leandro VERSIENTI (1996).
Attaccanti – Ibourahima BALDE (1999), Lorenzo CATANIA (1999), Davis CURIALE (1987), Paolo GRILLO (1997), Carmine IANNONE (2001), Maecky NGOMBO (1995), Leonardo PEREZ (1989), Alessio PIAZZA (2002), Diego ZUPPEL (2002).

Questo il riepilogo relativo al mercato invernale dell’Acr Messina.
Arrivi – Ermanno FUMAGALLI (p, 1982; Viterbese), Michele FERRARA (d, 1993; Catania), Oliver KRAGL (c, 1990; Ried), Leonardo PEREZ (a, 1989; Virtus Francavilla, prestito).
Partenze – Vincenzo CAMILLERI (d, 1992; Imolese).

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma. Nel 2022 l'ingresso nel mondo dell'istruzione, a Siena.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma. Nel 2022 l'ingresso nel mondo dell'istruzione, a Siena.