Il Ganzirri ufficializza Luttino e Fedele

Prosegue l’attività organizzativa dell’ASP Ganzirri, ritornata, dopo i due anni di serie A, nella categoria regionale. Conclusa la parte prettamente atletica della preparazione, le ragazze dei laghi stanno infatti intensificando il lavoro tecnico/tattico, cercando di assimilare il gioco voluto dal nuovo tecnico Massimiliano Drago.
Così come le calcettiste sul campo, anche la dirigenza continua nel suo lavoro e, se da una parte sta curando ogni minimo particolare di natura amministrativa e logistica, dall’altra si sta spendendo per rafforzare sempre di più l’organico. Proprio in questa direzione, infatti, sono arrivate due liete notizie per mister Drago. Si tratta del gradito rinnovo della giovanissima Maria Ylenia Luttino, classe ’97, già in evidenza nella passata stagione (una rete in serie A) e dell’arrivo a titolo definitivo, dell’appena quattordicenne Rachele Fedele, proveniente dall’AICS. 
Se per la Luttino si è trattato di un ritorno nel club che le ha regalato la gioia dell’esordio nella massima serie, per la Fedele è risultata determinante la volontà dello stesso tecnico Drago che presenta così l’atleta: “Conosco bene Rachele e sono contento che abbia accettato di giocare con noi. La sua caratteristica migliore è la rapidità. Inoltre, nonostante la giovanissima età, dimostra una maturità tecnica e tattica che mi fa ben sperare e sono certo che potrà ben figurare in un campionato competitivo come quello della serie C”
Queste, invece, le prime parole da gialloblù della ragazza: “Voglio ringraziare il presidente Famà per avermi dato la possibilità di giocare in questa gloriosa squadra cittadina. Allenarmi e giocare con compagne più grandi e che magari hanno avuto l’esperienza della serie A, mi stimola e credo anche che mi servirà per la mia stessa crescita”.
Dal Comitato Regionale arrivate, infine, le prime notizie sullo svolgimento del prossimo campionato regionale. Ufficializzato il girone di serie C (14 squadre): la data di inizio è stata fissata per il 22 settembre.

Commenta su Facebook

commenti