Il Fc riprende la corsa con Caballero. Il San Luca cade in casa dopo 37 mesi

CaballeroCaballero ancora match winner (foto Marco Familiari)

Cinico, solido e maturo. Il Fc Messina ottiene tre punti pesantissimi al “Corrado Alvaro”, tana del San Luca di Ciccio Cozza che tra le mura amiche non perdeva dal lontano gennaio 2018. Decisivo il gol di Caballero al 48′, nel giorno del ritorno in panchina di Costantino.

Il pre-partita Per questa gara che segna il suo ritorno sulla panchina giallorossa, Costantino si affida a ben cinque under (Marone, Casella, Ricossa, Arena e Bianco). Solo panchina per Coria, Agnelli e il neoarrivato Piccioni. Quattro le novità obbligate per il tecnico peloritano, viste le assenze per squalifica dei due Marchetti, Aita e Carbonaro. Dal primo minuto per Da Silva, in mezzo al campo si rivede capitan Giuffrida, sulla sinistra c’è Casella mentre in attacco Bianco e Arena supportano Caballero. Recuperato in extremis Mukiele, che si accomoda in panchina.

Fc Messina

Il Fc Messina celebra il gol partita di Caballero (foto Marco Familiari)

La cronaca Le prime battute sembrano sorridere ai padroni di casa con Pelle tra i più attivi, ma la squadra di Costantino sembra prendere subito le dovute misure. Al 13’ Palma viene servito dentro l’area ma non riesce a crossare da buona posizione. Al 20’ chance per i padroni di casa, punizione di Leveque che trova Murdaca che prova un assist di testa per un compagno ma la palla si spegne sul fondo. Al 23’ Ciccio Lodi scalda il sinistro impegnando Scuffia su punizione, ma il San Luca se la cava solo con un corner. Poco dopo, corner di Lodi per l’inzuccata di Da Silva che però non inquadra lo specchio della porta.  L’ex Catania però sale sugli scudi e prende per mano la squadra, al 35’ altra punizione velenosa che Scuffia mette in corner. al 37’ Cozza sostituisce l’impalpabile Salom per Nagore. Finisce a reti inviolate un primo tempo privo di grossi sussulti. L’Fc Messina si è affidato principalmente ai calci piazzati di Lodi, mentre il San Luca ha mostrato un atteggiamento piuttosto attendista.

Palma

Palma in azione a San Luca (foto Marco Familiari)

Nessun cambio tra le due squadre, ma la ripresa si apre con il vantaggio ospite al 48′. Bell’azione di Casella sulla sinistra che mette in mezzo, a Palma non riesce la deviazione vincente ma la sfera arriva al limite dell’area dove Caballero calcia di prima intenzione un sinistro imprendibile per Scuffia. Poco dopo la squadra peloritana potrebbe sfruttare meglio un contropiede gestito da Arena che sbaglia l’appoggio per l’accorrente Caballero. Proprio quest’ultimo, al 61′, lascia il terreno di gioco in favore di Piccioni, che dunque può fare il proprio esordio con la maglia siciliana. Poco dopo Arena lascia spazio a Bevis. Il ritmo della gara però non cambia e questo è un vantaggio per la squadra di Costantino, che può gestire il vantaggio senza far correre particolari pericoli alla porta di Marone. L’Fc Messina mostra tutta la propria maturità, nonostante la settimana travagliata e l’avversario di assoluta caratura che pur attaccando a testa bassa per cercare di salvaguardare l’imbattibilità interna che dura da ben tre anni, non riesce a creare occasioni da gol.

Fissore, Da Silva e Casella

Fissore, Da Silva e Casella

Per i calabresi la situazione si fa ancora più complicata al 71′ quando Pezzati colpisce Piccioni a palla lontana in area, costringendo il signor Lipizer di Verona ad estrarre il cartellino rosso. Da questo momento si vivono degli attimi di assoluta confusione, perché per ben due volte il fischietto veronese concede prima il penalty e poi il corner. Alla fine l’Fc Messina usufruisce solo dell’angolo, dato che l’irregolarità di Pezzati è stata fatta a gioco fermo. Gli ospiti gestiscono il vantaggio con sapienza, Costantino si affida al fisico di Garetto al posto del solito inesauribile Giuffrida. Al 90′ ospiti vicini al raddoppio, ancora Lodi pericoloso su punizione ma Scuffia con l’aiuto del palo devia in corner. Nel finale, anche il Football Club Messina rimane in dieci per il secondo giallo inflitto a Bianco. Finisce così, con il Football Club Messina c he ottiene tre punti in uhn campo difficile contro una squadra in forma che appena sette giorni fa ha battuto l’Acireale. Il Costantino 2.0 non poteva iniziare meglio.

Lodi

Lodi ha centrato un clamoroso palo su punizione (foto Marco Familiari)

Il tabellino. San Luca – Fc Messina 0-1
Marcatore: 48′ Caballero.
San Luca: Scuffia, Fiumara, Murdaca, Spinaci, Pezzati, Greco (59′ Marchionna), Carbone, Leveque, Pelle, Salom (37′  Nagore), Vigolo (75′ Giorgi). In panchina: Callejo, Pitto, Mammoliti, Nirta, Lorefice, Arcuri. Allenatore: Francesco Cozza.
Football Club Messina: Marone, Da Silva, Giuffrida (83′ Garetto), Palma, Casella, Lodi, Fissore, Caballero (60′ Piccioni), Ricossa, Arena (64′ Bevis), Bianco. In panchina: Monti, Coria, Agnelli, Mukiele, Panebianco, Cangemi, Allenatore: Massimo Costantino.
Arbitro: Francesco Lipizer della sezione di Verona.
Assistenti: Riccardo Marra della sezione di Milano e Marco Marchesin della sezione di Rovigo.
Note – Ammoniti: Spinaci (S), Pezzati (S), Fissore (M), Scuffia (S), Bianco (M). Nagore (S), Bevis (M). Espulsi: 71’Pezzati (S), 92′ Bianco (M).

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva