Il Fc Messina allunga la lista dei rimpianti. Doppia rimonta con l’Acireale

FissoreFissore ha firmato la rete del definitivo 2-2 (foto Familiari)

Ai peloritani non basta la buona volontà. I granata strappano un pari al “Franco Scoglio” per 2-2. Avanti con Rizzo al 15′, arriva il pareggio di Carbonaro un minuto dopo. Al 33′ nuovo vantaggio ospite con De Felice, che verrà poi espulso al 59′. Al 62′ il pareggio di Fissore. Non sfruttato neppure il rosso di Rizzo nel finale. 

Il pre-partita La rifinitura ha portato una brutta notizia al tecnico Costantino, perché a Melillo, in seguito ad una botta che in un primo momento non sembrava nulla di preoccupante, è stata riscontrata una frattura del quinto metatarso del piede sinistro. Per lui probabile intervento chirurgico. La novità di giornata però è tra i pali con l’esordio di Oliva al posto di Aiello, mentre dopo qualche panchina il portoghese Aladje riprende il proprio posto al centro dell’attacco peloritano insieme a Carbonaro e Coria a completare il canonico 4-3-3 dell’Fc.

Carbonaro

Ancora una rete per Carbonaro, ma non è bastata (foto Familiari)

La cronaca – Dopo pochi secondi il primo squillo dei padroni di casa, traversone di Carbonaro pr Bevis che calcia al volo dal cuore dell’area ma la sfera termina sul fondo. Al 15’, come un fulmine a ciel sereno, arriva il vantaggio acese: conclusione di Rizzo dai 30 metri senza troppe pretese, il rimbalzo coglie impreparato il poco reattivo Oliva ed ospiti avanti. I giallorossi però non si scompongono e dopo appena 60 secondi il match torna in parità. Splendida punizione di Coria dalla destra che trova Carbonaro che di testa trafigge Pitarresi per l’1-1. L’Fc Messina vuole sfruttare il momento favorevole, poco dopo Brunetti raccoglie una corta respinta della difesa granata, ma la sua conclusione termina alta.

Partita gradevole al “Franco Scoglio”, i padroni di casa prediligono il palleggio ma l’Acireale si conferma squadra di rango, ben messa in campo e pronta a far prevalere la propria fisicità. Al 33’ arriva il contestato vantaggio ospite, sugli sviluppi di uno schema da corner De Felice al volo manda il pallone alle spalle di Oliva dopo un traversone di Rizzo dalla destra. Le proteste dei padroni non sono eccessive ma appaiono giustificate, dato che al momento del cross la posizione di De Felice sembra irregolare. Il gol subito sembra tagliare le gambe ai padroni di casa, l’Acireale ci prova ancora al 39’ con Arena da posizione molto defilata, Oliva questa volta c’è. Poco dopo lo stesso Arena recupera palla su Aladje e tenta un’azione personale, Oliva blocca a terra. Il primo tempo termina con l’Acireale avanti e con l’Fc Messina costretto a rinfrescarsi un po’ le idee dopo il finale di grande sofferenza.

Facundo Coria

Non è stata sufficiente neppure la verve dell’argentino Facundo Coria, ancora ammonito (foto Giovanni Chillemi)

La ripresa inizia con una chance per i padroni di casa, dopo un corner si accende un batti e ribatti in area Giuffrida tenta una deviazione vincente ma spara in bocca a Pitarresi. Al 58′ l’Acireale rimane in dieci, quando il già ammonito De Felice ferma irregolarmente Brunetti a metà campo e il direttore di gara esce per la seconda volta il cartellino giallo. Il Fc adesso attacca a testa bassa, poco dopo l’estremo granata si supera su un colpo di testa a botta sicura di Fissore dopo un corner. Il duello tra i due si rinnova al 63′ ma con esito diverso: punizione di Coria al vertice sinistro che trova il difensore peloritano sul secondo palo, la sua deviazione questa volta è vincente ed il “Franco Scoglio” può gioire.

Gli ospiti sembrano alle corde, l’ennesima punizione di Coria mette in difficoltà Pitarresi, ma nessuno trova la deviazione decisiva e la difesa granata spazza. Al 78′ Costantino si gioca la carta Dambros al posto di Bevis per un Fc sempre più sbilanciato.  All’80’ l’Acireale rimane in nove, Reucci, anch’egli già ammonito, ferma Dambros irregolarmente  finisce anzitempo sotto la doccia. I padroni di casa spingono in avanti, ma l’Acireale spezzetta spesso il gioco. All’89’ splendida conclusione a giro di Carbonaro dalla sinistra, palla fuori d’un soffio. Il muro acese regge e così la squadra di Costantino deve accontentarsi dell’ennesimo pareggio che lascia l’amaro in bocca e pone mille interrogativi su un progetto tecnico che è già in discussione.

Giuffrida e Carbonaro

L’abbraccio tra Giuffrida e Carbonaro

Il tabellino. Fc Messina-Acireale 2-2 
Marcatori: 15′ Rizzo (A), 17′ Carbonaro (M), 33′ De Felice (A), 62′ Fissore (M).
Fc Messina: Oliva, Giuffrida (93′ Miele), Marchetti D., Carbonaro, Fissore, Aladje, Casella, Brunetti (73′ Carrozza), Correnti, Coria, Bevis (77′  Dambros). A disp.: Aiello, Quitadamo, Camara, Pini, Gioria, Miele, Dambros, Chiappino. All.: Costantino.
Acireale: Pitarresi, De Felice, Raucci, Barcio (88′ Chiacchio), Sicignano, Orlando, Arena (63′  Cannino), Ba, Ndiaye (82′ Barbagallo), Rizzo, Diop (54′ Crispini). A disp.: Rao, Silvestri, Chiacchio, Fazio, Savanarola, Piazza. All.: Pagana.
Arbitro: Castellone di Napoli
Assistenti: Perali di Chiari e Lipari di Brescia
Note – Espulsi: 59′  De Felice (A – doppia ammonizione), 80′ Reucci (A – doppia ammonizione). Ammoniti: Pitarresi (A), Raucci (A), Giuffrida (M), De Felice (A), Rizzo (A), Correnti (M), Crispini (A), Carbonaro (M), Coria (M).

Commenta su Facebook

commenti