Il Due Torri stende l’Hinterreggio e chiude bene l’andata. Primo gol di Cicirello

Sesta affermazione stagionale, la terza al “Vasi”, per i biancorossi, che conquistano un successo chiave in ottica salvezza. Eccellente il primo tempo degli uomini di Venuto, che trovano il doppio vantaggio con la complicità di Parisi e Papasidero, che firma uno sfortunato autogol. I calabresi si vedono soltanto dopo un’ora di gioco, ma Ingrassia è in giornata di grazia e limita i danni. 

Il saluto tra le due squadre

Il saluto tra le due squadre

Il pre-partita. Il Due Torri apre il 2015 al “Vasi” con l’obiettivo di cancellare il ko subito sul campo del sorprendente Rende. L’Hinterreggio, per settimane stabilmente in zona play-off, è in crisi societaria (si è appena dimesso il presidente Cacozza), sta calando alla distanza e deve tenere d’occhio anche le inseguitrici. Lo squalificato Venuto deve rinunciare a Scolaro, Tricamo e Dalì. Inusuale divisa interamente nera con banda verticale biancorossa per il Due Torri, mentre l’Hinterreggio scende in campo con una tenuta completamente bianca, caratterizzata da una fascia rossa obliqua sul petto.

La cronaca. I padroni di casa spingono fin dall’avvio ed al 4’ hanno già collezionato due corner. Sugli sviluppi della battuta Puntoriere, servito al meglio da Matinella, calcia alto facendo disperare i propri sostenitori, ma il guardalinee aveva comunque segnalato una posizione di off-side. Al 9’, sempre su una battuta dalla bandierina, termina a lato il colpo di testa di Matinella. Subito dopo calabresi ancora in apprensione sulla punizione battuta in mezzo da Gaglio. Con il passare dei minuti diventa un vero e proprio match a senso unico ed al 13’ sull’iniziativa di Puntoriere l’Hinterreggio se la cava in extremis. Parisi è invece colpevolmente sorpreso due minuti dopo, quando Cicirello dal limite con una pregevole conclusione a giro trova l’angolo più lontano, dando il meritato vantaggio ai locali. L’eccellente approccio della truppa di Venuto ha davvero annichilito i timorosi calabresi. Bisogna attendere infatti il 27’ quando il volenteroso Gallon non riesce ad agganciare un traversone dalla destra. Sul fronte opposto punge invece dalla distanza Cicirello, che si conferma uno specialista delle conclusioni da fuori. Al 31’ il primo corner per gli ospiti, con Forgione che di testa non inquadra però lo specchio. In questa fase accade davvero poco, anche se spicca l’asfissiante pressing dei padroni di casa, che non lasciano ragionare l’avversario. Al 39’ Parisi in tuffo si salva sull’insidioso traversone di Calafiore. Al 45’ invece, sugli sviluppi del nono angolo di giornata per i locali, Cassaro e Papasidero vanno sul pallone ed il capitano reggino beffa il proprio portiere con una deviazione fatale. Il 2-0, meritato, rappresenta una seria ipoteca sul successo finale.

Il calcio d'inizio

Il calcio d’inizio

Nel corso dell’intervallo un cambio per parte: Pitarresi prende il posto di Treppiedi, comunque protagonista di un buon primo tempo, mentre Morabito rileva Tancredi, ammonito poco prima. In avvio ancora Cicirello sfiora l’incrocio con un tiro da fuori. Il match chiaramente non ha più molto da dire, con il Due Torri che può amministrare contro un avversario che è un lontano parente dell’undici ammirato in avvio di stagione. Al 15’ gli ospiti hanno comunque la grande chance per riaprire la partita con Gallon che, dopo essersi smarcato al meglio a centro area, colpisce a botta sicura ma è costretto a fare i conti con la gran parata di Ingrassia, che si rifugia in corner. Intervento davvero superbo del portiere, mai chiamato in causa in precedenza. Gallon ci riprova qualche minuto dopo, ma questa volta la conclusione è smorzata dalla retroguardia di casa. A metà frazione Ferraro prova a correre ai ripari, inserendo Favasuli e Crisalli al posto di Filidoro e Forgione. I neo-entrati danno un po’ di verve all’Hinterreggio, che ha avuto il torto di svegliarsi troppo tardi dopo un primo tempo alla camomilla. Al 30’ ed al 32’ ancora Ingrassia si supera sulle conclusioni di Crisalli. I locali pagano un po’ la fatica per lo sforzo profuso nella prima ora di gioco e per questo hanno arretrato forse eccessivamente il loro baricentro. Anche per questo Granata e Venuto lanciano Sabella e Fantino al posto di Scaffidi e Cicirello. I reggini non hanno comunque la forza per riaprire il match ed al 44′ sorvola la traversa il tentativo del solito Gallon. Dopo il fischio finale il gruppo al gran completo può celebrare un successo chiave, che allontana lo spettro dei play-out, ed il 54esimo compleanno del tecnico Venuto, salutato anche dallo speaker del “Vasi”.

Il Due Torri schierato sul sintetico del "Vasi"

Il Due Torri schierato sul sintetico del “Vasi”

Due Torri – Hinterreggio 2-0
Marcatori: al 14’ pt Cicirello (D), al 45’ pt Papasidero (H) autorete.
Due Torri (3-4-3): Ingrassia; Acquaviva (’95), Matinella (VK), Cassaro; Calafiore (’95), Treppiedi (‘94, Pitarresi), Provenzano, Gaglio; Scaffidi Argentina (’96, 33’ st Sabella – ’96), Puntoriere (K), Cicirello (’95, 39’ st Fantino – ‘95). In panchina: Paterniti, Cardaci (’97), Cacciola (’97), Lima (’95), Briatore (’94). Allenatore: Dino Granata (Antonio Venuto squalificato).
Hinterreggio (4-4-2): Parisi (’95); Manganaro, Papasidero (K), Scoppetta, Filidoro (’94; Favasuli – ‘95); De Marco (’96), Corso, Lavrendi (VK), Forgione (24’ st Crisalli); Gallon, Tancredi (’96, 1’ st Morabito – ’95). In panchina: Napoli (’98), Spanò, Cianci (’94), Meduri (’97), Neri (’98), Maesano (’96). Allenatore: Francesco Ferraro.
Arbitro: Luigi Santorelli di Salerno.
Assistenti: Beniamino Fuoco di Torino e Pasquale Varrà di Siena.
Note – Ammoniti: al 15’ pt Cicirello (D), al 26’ pt Gaglio (D), al 42’ pt Tancredi (H), al 4’ st Cassaro (D), al 19’ st Corso (H), al 27’ st Calafiore (D). Corner: 11-3. Recupero: 1′ pt e 3′ st.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti