Forza Calcio Messina ripescato in Eccellenza. Sarà società satellite dell’ACR

SPADAFORESE-PISTUNINASPADAFORESE-PISTUNINA

Il Forza Calcio Messina, nato dalle ceneri della Spadaforese, ha ottenuto il ripescaggio in Eccellenza. Definiti in extremis gli ultimi adempimenti burocratici, dal momento che la Lega non aveva ratificato la fusione con lo Junior Curcuraci e non era in possesso della disponibilità del campo di Rometta (sede legale del club). Anche se manca ancora l’ufficialità, è comunque soddisfatto per il risultato raggiunto il presidente Nino Micali, uno dei soci della cordata capeggiata da Stracuzzi e Di Napoli, attualmente impegnata nella complicata scalata all’ACR.

Nino Micali

Il patron Nino Micali

Un salto di categoria che non dovrebbe comunque condizionare l’impegno dell’imprenditore messinese: “Il mio è un semplice ruolo di supporto a Stracuzzi ed Oliveri, a cui darò una piccola mano. Il Forza Calcio è chiaramente la mia principale creatura e se l’operazione di acquisto del club di Lo Monaco dovesse andare a buon fine diventerebbe anche società satellite dell’ACR, garantendo ulteriore linfa al vivaio giallorosso”. Il ritiro pre-campionato è già scattato da tre giorni. La squadra, che sarà allenata da Guido De Maria, è stata allestita confermando gran parte della rosa della passata stagione, che poteva contare su elementi come Broccio, Platania ed Alibrandi. Mastroieni il principale colpo di mercato.

“L’anno scorso ci eravamo fermati nella finale play-off. Adesso anche al piano superiore proveremo a giocarcela con tutti. Vedo davanti a tutte Igea Virtus e Leonzio, ma in questa categoria non ci sono elementi in grado di stravolgere da soli gli equilibri”. Al direttore sportivo Giuseppe Capozzi l’incarico di puntellare l’organico per ottenere una permanenza senza patemi. Da giorni si sta cercando di convincere l’attaccante Silvano Cariolo, il prossimo obiettivo saranno degli under per rinforzare tutti i reparti.

Guido De Maria

Il tecnico Guido De Maria

Un grande salto l’ex Spadaforese lo compirà sul piano dell’impiantistica, dal momento che dopo avere disputato le prime gare a Rometta, potrà contare sul “Giovanni Celeste” per le successive uscite casalinghe: “È un onore avere ottenuto questo placet. Dobbiamo metterci mano però perché l’impianto è in condizioni precarie”. Il ripescaggio, che premia gli sforzi di dirigenza e squadra, porta a sei le messinesi ai nastri di partenza del prossimo torneo di Eccellenza: il Forza Calcio Messina si unisce a Milazzo, Igea Virtus, Sporting Taormina, Orlandina e Rocca di Caprileone.

Commenta su Facebook

commenti