Ferraro: “Tre punti importanti. Dobbiamo cercare di chiudere prima le partite”

Luca OrlandoLuca Orlando in azione contro la Sancataldese (foto Marco Familiari)

Dopo due sconfitte pesanti maturate contro Rende e Lamezia, il Fc Messina può festeggiare il primo successo casalingo in campionato, fondamentale per morale e classifica. Il tecnico Emanuele Ferraro elogia l’atteggiamento mostrato dai suoi calciatori: “Ho visto grande determinazione. Se avessimo maggiore tranquillità e personalità in certi frangenti, faremmo anche meglio. Però contava principalmente incamerare i tre punti. Il cuore è stato gettato oltre l’ostacolo e vedo il bicchiere sicuramente mezzo pieno. Qualche passo indietro c’è stato in altri aspetti ma specialmente alla linea di difesa non posso rimproverare nulla. Sono felice per la loro applicazione, poi gli errori gratuiti ci stanno ma sappiamo di dover lavorare per migliorare”. 

Gabionetta

Gabionetta contesta una decisione arbitrale (foto Marco Familiari)

I due gol degli attaccanti Orlando e Gabionetta hanno trascinato la squadra in una sfida contro una diretta concorrente per la salvezza come la Sancataldese: “Luca come tutti sappiamo è un giocatore importante per noi. Ha grandi qualità e so che può fare ancora di più. È stato encomiabile, ha nelle sue corde il sacrificio. A livello tattico abbiamo cambiato qualcosa, optando per uno schieramento con due mediani larghi per ampliare il nostro gioco e creare spazio nella loro retroguardia. Qualcosa di buono è uscita fuori ma dobbiamo acquisire la cattiveria necessaria per chiudere le partite con anticipo”.

Tanti i cambi operati in difesa, dettati da una situazione fisica non ottimale. Il gruppo ha però voluto fortemente il secondo successo in campionato dopo quello di Portici. “La rosa, pur ampia, ha soluzioni ridotte in alcuni ruoli. In difesa eravamo contati perché mancavano Aliaga e Massa e questo ci ha condizionato, ma preferisco non parlare di chi non c’è. Mi soffermo su chi ha giocato, offrendo una prestazione importante. Questi tre punti per noi sono fondamentali perché le vittorie danno forza e serenità al nostro lavoro. Non era facile portare a casa il successo, sono molto contento”. 

Emanuele Ferraro

Il tecnico del Fc Messina Emanuele Ferraro (foto Marco Familiari)

Un leit motiv che continua a riproporsi molto spesso è l’inizio arrembante da parte del Fc e il finale di gara in sofferenza. La Sancataldese al nono minuto di recupero è anche andata vicino a un pareggio che sarebbe stato molto pesante: “Non avevo mai visto nove minuti di recupero. Nelle nostre corde vogliamo sempre partire forte ma dovremmo cercare di chiudere le partite prima, sfruttando a dovere tutte le occasioni che produciamo. Nel finale paghiamo l’inesperienza e un po’ il calo atletico mentre gli altri giocano sempre la partita della vita. C’è sempre da soffrire ma sapevamo che la serie D è questa”.

Lo sguardo è già proiettato alla delicata trasferta di Aversa, anche se Piccione e Santapaola allungheranno la lista degli indisponibili. Gli under tra centrocampo e attacco cominciano a mostrare una crescita che fa ben sperare il tecnico di Santa Teresa: “I ragazzi si stanno comportando in maniera encomiabile perché stanno dando tutto quello che hanno. Da Licciardello, che conosco da tempo, mi aspetto ancora di più perché so che ha grandi qualità. Deve cercare di più la porta perché ha la finalizzazione nelle sue corde. Valente lavora sempre a tremila e si fa trovare a disposizione. Lo stesso Godano è entrato nel secondo tempo con l’atteggiamento giusto. Sono contento per tutti. Spero di avere presto più opzioni e difficoltà nelle scelte dell’undici iniziale”.