Dumbravanu: “Mi manca tanto il campo. Rosafio mi ha parlato bene del Messina”

Daniel DumbravanuDaniel Dumbravanu è l'ultimo innesto del Messina (foto Paolo Furrer)

Daniel Dumbravanu è il sesto volto nuovo in casa Messina. Il difensore moldavo si è presentato in conferenza stampa al “Franco Scoglio”: “Ringrazio il direttore e la società per la fiducia. Ho sentito Marco Rosafio nei giorni scorsi, mi ha detto soltanto cose buone di questa società”. 

Daniel Dumbravanu

Daniel Dumbravanu in conferenza stampa (foto Paolo Furrer)

Rosafio aveva giocato appena 286 minuti a Ferrara. A Messina in quattro gare ha già trovato il gol ma soprattutto con il suo innesto sono cambiati modulo e rendimento di compagni come Emmausso e Zunno. Per Dumbravanu alla Spal 120 minuti in Coppa Italia, contro una sua ex squadra, la Lucchese. In campionato invece soltanto panchine: “Sono pronto, non vedo l’ora di scendere in campo per aiutare la squadra. Un calciatore sa quanto gli mancano la partite e la sensazione che ti dà soltanto giocare, che con le parole non si può descrivere facilmente”.

Dumbravanu è un centrale, alto ben 192 centimetri, abituato a giostrare con moduli differenti: “Ho giocato più spesso in una difesa a tre come braccetto di sinistra ma mi adeguo alle preferenze del mister, gioco dove serve. Posso fare tranquillamente il centrale di sinistra in una difesa a quattro”.

Daniel Dumbravanu

Per Daniel Dumbravanu 12 presenze in C a Siena

Anche Rosafio non vedeva l’ora di rimettersi in discussione, in un ambiente differente, anche in considerazione del terzultimo posto degli emiliani: “Purtroppo la Spal è in una situazione difficile. Si partiva per vincere il campionato e ora è in tutt’altra posizione. Inutile commentare le scelte che sono state fatte. Ormai è il passato, penso al presente e con la mia testa sono concentrato soltanto sul Messina, per aiutarlo”. 

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva.it, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma per 6 anni. Nel 2022 è maestro in una scuola primaria a Siena, nel 2023 assistente amministrativo in un istituto secondario a Piacenza