Derby, si va verso l’apertura ai messinesi e il divieto di trasferta da Palermo

stadio Luigi RazzaLo stadio di Vibo Valentia indicato come campo di riserva dal Messina

Si è svolto in mattinata in Prefettura, a Messina, il primo vertice in vista del derby fra l’Acr e il Palermo. Secondo quanto è filtrato l’orientamento è quello di aprire gli spalti del “Luigi Razza” di Vibo Valentia ai tifosi giallorossi, mentre dovrebbe essere vietata la trasferta ai sostenitori rosanero.

Questura

La sede della Questura di Vibo Valentia

Un ulteriore tavolo tecnico, quello decisivo, è previsto giovedì mattina a Vibo, sede indicata all’atto dell’iscrizione dal Messina come campo alternativo, considerato il perdurare degli interventi di messa a norma del “Franco Scoglio”, che aveva salutato il professionismo oltre quattro anni fa.

Nella sede della Questura calabrese si riuniranno in pratica i componenti del Gos, il Gruppo Operativo Sicurezza, che supervisiona tutto quello che accade dentro e fuori lo stadio. Saranno presenti Orazio Marini, il questore vicario di Vibo Valentia, i rappresentanti della Digos di Messina e Palermo, per fare il punto sulle rispettive tifoserie, e in rappresentanza del club di Pietro Sciotto il responsabile gestione eventi Giuseppe Bellantoni.

stadio Luigi Razza

La tribuna coperta dello stadio Luigi Razza di Vibo

La capienza ufficiale del “Razza” si attesta a circa 4.000 posti. Considerando che la Calabria resta in zona bianca con le restrizioni anti-Covid dovrebbero essere disponibili 2.000 tagliandi, a meno di ulteriori limitazioni, che potrebbero prevedere anche un’implementazione del numero di steward. L’intenzione del Messina, che organizza l’evento, è quella di aprire due settori: tribuna coperta e gradinata.

Dal momento che si tratta di un derby particolarmente sentito, l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive aveva “sospeso il giudizio al fine di approfondire l’analisi dei rischi connessi alla gara e incaricato la Lega Italiana Calcio Professionistico di non avviare la vendita dei tagliandi fino all’assunzione di determinazioni in merito”. Da qui il doppio vertice, in Prefettura a Messina e in Questura a Vibo.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma