Daniela Pilato, da S.Agata Militello a Jesolo con il sogno del titolo nazionale

La diciannovenne originaria della cittadina tirrenica, prima messinese in ordine cronologico accedere alle prefinali nazionali, non vede l’ora di imbarcarsi sul volo per il Veneto dov’è attesa dal prossimo 29 settembre. Obiettivo quello di entrare tra le 63 ragazze che, sempre nella località balneare veneziana, si contenderanno l’eredità di Giusy Buscemi dal 3 al 13 ottobre. “Miss Italia è un’esperienza importante – sottolinea Daniela – perché rappresenta un ottima vetrina per il mondo dello spettacolo e per la moda. Sono abbastanza tranquilla e non vedo l’ora di affrontare questa nuova ed entusiasmante esperienza. Sicuramente mi divertirò perché è questo lo spirito giusto, ma allo stesso tempo ce la metterò tutta per realizzare il mio sogno”.

E’ stata la prima delle ragazze messinesi, in ordine cronologico, a qualificarsi alle prefinali nazionali di Miss Italia previste a Jesolo (Venezia) dal 29 settembre sino al prossimo 2 ottobre. Un diritto che Daniela Pilato, diciannovenne di S.Agata Militello, si è conquistata grazie alla vittoria – associata alla fascia di Miss Wella – in occasione della finale regionale ospitata da S.Stefano di Camastra lo scorso 13 agosto, su organizzazione del patron per la Sicilia Est Salvo Gentile. E prima ancora era entrata alle regionali, aggiudicandosi con il titolo di “Miss Rocchetta Bellezza“, la tappa provinciale del 16 luglio al Lido Vanisa di Mortelle.
Peraltro già scorso anno la Pilato aveva gareggiato per la prima volta alla kermesse di Patrizia Mirigliani arrivando, da esordiente, alle fasi regionali con il titolo di “Miss Giampilieri”. Un titolo quanto mai sentito e significativo, in quanto assegnato nel villaggio messinese che sta risorgendo dopo la tragica alluvione dell’ottobre 2009.
Alta 1,75, filiforme, portamento elegante, sorriso serio ma sincero, Daniela ha appena conseguito il diploma al Liceo Scientifico iscrivendosi alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Messina (il suo sogno è esercitare la professione di notaia). E proprio nel capoluogo, dove sta per iniziare gli studi accademici, si trasferirà tra qualche mese, dove risiede già la non meno accattivante sorella-manager Stefania, splendido sorriso, intelligenza e “savoir-faire” in quantità industriali, di due anni più grande, e con la quale il legame è fortissimo, praticamente simbiotico. Per non parlare di papà Carmelo e di mamma Betty, i quali al pari della sorella non si staccano mai da lei, e hanno prenotato il volo per il Veneto.
Tuttavia, prima di rientrare in Sicilia, Daniela conta di lasciare Jesolo possibilmente da finalista nazionale (le fasi nazionali comprendenti le 63 finaliste sono in programma sempre a Jesolo, dal 3 al 13 ottobre, trattative sono in corso con La7 per dare copertura televisiva alla serata conclusiva) superando intanto le prefinali, e con una fascia importante attorno al collo. Meglio ancora se fosse quella di Miss Italia, anche se lei assicura di non aver questo chiodo fisso. “Sognavo sin da piccola di partecipare al concorso – fa sapere la diciannovenne santagatese -. Miss Italia è un’esperienza importante, perché rappresenta un ottima vetrina per il mondo dello spettacolo e per la moda.Sono abbastanza tranquilla e non vedo l’ora di affrontare questa nuova ed entusiasmante esperienza. Sicuramente mi divertirò perché è questo lo spirito giusto, ma allo stesso tempo ce la metterò tutta per realizzare il mio sogno”.
Daniela Pilato si descrive come “una ragazza molto determinata, semplice e solare. Ho praticato danza per dieci anni. Sono molto legata alla mia famiglia infatti dedico la mia vittoria a loro che mi hanno sempre sostenuta”. (R.S.)

Nelle seguenti foto: a sinistra Daniela Pilato con la corona e la fascia di “Miss Wella” che le valgono le prefinali nazionali; a destra, assieme all’inseparabile sorella Stefania, di due anni più grande; in basso Daniela mentre sfila in abito da sera

Commenta su Facebook

commenti