Dambros: “Dobbiamo sfruttare di più le corsie. Scambio messaggi con Barcos”

DambrosDambros in azione contro il San Luca

L’attaccante del Fc Messina Lucas Dambros è stato ospite negli studi di Tcf, dove ha commentato il successo con il San Luca: “Guardo gli aspetti positivi del nostro esordio, anche se la prestazione non è stata continua nei novanta minuti. Consideriamo che era solo la prima partita che andavamo ad affrontare, la prima tappa di un cammino che deve portarci ad un obiettivo. “Si è cominciato subito a fare sul serio. Sentivamo l’ansia positiva del voler fare a tutti i costi che alle volte ti può limitare e porta a deconcentrarti in campo. Abbiamo vinto e questa è la cosa più importante, essere riusciti a partire bene in stagione”.

Coria

Coria anticipa un avversario

La squadra si è probabilmente intestardita troppo sulla soluzione più semplice: “Abbiamo giocato troppo per le vie centrali con la ricerca ossessiva delle punte. Abbiamo cercato troppo Coria, affidandoci alle sue qualità, e di conseguenza sugli esterni sia io che Bevis abbiamo faticato. Pochi i palloni utili anche per saltare il diretto avversario e ne abbiamo risentito come collettivo”.

Si è rivelato decisivo Marone, che ha evitato il colpo dello 0-2 dopo uno svarione difensivo: “Ci infonde una sicurezza in campo che nessuno riesce a darci. Sul gol subito ho seguito Pitto in marcatura, che poi ha sfruttato il traffico nell’area di rigore. Barnofsky è reduce da un serio infortunio, che lo ha condizionato lo scorso anno. Lavora da agosto con noi dopo otto mesi di fermo e ha giocato la prima gara ufficiale dopo tanto tempo. Essendo difensore il suo ruolo è sotto la lente di ingrandimento ma gli errori possono starci. Lui ha buone qualità, è duttile e può giocare in diversi ruoli, ma predilige giocare al centro del reparto arretrato”.

Casella

Casella vince un contrasto

Nonostante la firma di Balistreri, il club continua a inseguire un’altra prima punta e il sogno resta Hernan Barcos: “È un giocatore che ha sempre ricoperto questo ruolo in carriera. Ci scambiamo messaggi sui social: mia moglie è grande tifosa del Gremio e lui è stato una bandiera del club di Porto Alegre. Quando ho saputo che il Fc lo stava trattando gli ho chiesto se fosse vero e lui ha ammesso di sì, confermando i problemi col suo club in Bangladesh. Non so se arriverà, ma domenica sera mi ha detto che era contento del nostro primo successo colto contro il San Luca”.

Domenica è in programma la sfida a un’altra matricola, all’esordio casalingo in D: “A Trapani col Dattilo speriamo di scendere in campo subito determinati e non dover attendere il secondo tempo per cambiare ritmo. Non sarà facile perché diversi giocatori del Dattilo già giocavano insieme nel Marsala e mi ricordo che lo scorso anno contro di loro in casa nostra soffrimmo molto per cui le insidie non mancheranno. Sono contento di poter tornare a Trapani in uno stadio che conosco bene per averci giocato già in passato”.

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva