Dalla Fipav quasi cinque milioni di aiuti a società, tesserati e vivai

Akademia VolleyL'Akademia Sant'Anna in azione

Difesa delle società, sostegno ai tesserati, ripartenza dai giovani per schiacciare la crisi: quasi cinque milioni di euro di aiuti per far fronte alle gravi perdite derivanti dall’emergenza Coronavirus in Italia. È il piano di interventi annunciato dalla Fipav: “Un’azione per salvaguardare il vero patrimonio della Federazione Italiana Pallavolo: le oltre 4000 società presenti su tutto il territorio”, si legge nel comunicato stampa.

Studi federali evidenziano che la conclusione dei campionati e dell’attività giovanile di base ha creato perdite stimate in oltre venti milioni di euro per la pallavolo di base, a cui si aggiungono i quasi 29 milioni per quella di vertice, secondo i dati forniti dalla Lega di serie A maschile e femminile. Quella della Fipav è “un’azione forte e decisa, per fare squadra e non lasciare indietro nessuno”. Tre i piani di intervento: difesa delle società attraverso il pagamento di appena quindici euro (comprensivi del tesseramento di sei dirigenti) per la stagione 2020/21, per un impatto dell’intervento economico pari a un milione e 830mila 50 euro.

Messina Volley

L’esultanza del Messina Volley dopo una vittoria

A questo va aggiunto il sostegno ad atleti e tecnici con particolari agevolazioni sulle tasse di tesseramento che genereranno un aiuto economico complessivo pari a 968mila e 234,50 euro, oltre a un piano di intervento a favore dei campionati giovanili per i quali nella stagione 2020-2021 la Fipav ha deciso di farsi carico interamente dei contributi di iscrizione e delle tasse gara per un totale dei costi pari a un milione 876mila e 650 euro.

Inoltre la Fipav comunica di aver già attivato tutte le procedure amministrative per restituire a tutte le società le tasse gara già versate, relative alle partite non disputate a causa della pandemia Covid-19. Sono stati, inoltre, portati all’attenzione delle autorità governative e politico-sportive i dati relativi alla contingente crisi del movimento, continuando nel proficuo dialogo che è in corso dall’inizio dell’emergenza. Dopo tale intervento la Federazione continuerà nel lavoro di analisi, senza escludere ulteriori interventi a sostegno delle società per non disperdere quel patrimonio, da sempre alla base dell’attività della pallavolo in Italia.

Autori

+ posts