Costantino: “Conosciamo il valore del Cittanova. La panchina è determinante”

RicossaRicossa contrastato da Mbengue

Il Fc Messina dopo l’impegno di domenica con il Sant’Agata dovrà scendere in campo altre tre volte in appena otto giorni. Ai match già calendarizzati (domenica al “Franco Scoglio” c’è il Biancavilla) si è aggiunto infatti il recupero di mercoledì prossimo a Roccella. Il tecnico Massimo Costantino è consapevole delle insidie rappresentate dal tour de force: “L’ideale per tutte le squadre sarebbe giocare una volta a settimana ma ci adeguiamo come devono fare tutti. Saremo pronti per la sfida di Cittanova“.

Domenico Marchetti

Domenico Marchetti in azione al “Franco Scoglio”

La rifinitura è stata ospitata dal “Despar Stadium” di Bisconte: “Facciamo ciò che è giusto, ma non sarà determinante averla sostenuta su un campo in sintetico e di dimensioni ridotte, perché altrimenti gli avversari che si allenano sempre lì avrebbero già vinto la gara senza giocare. Si fa perché è giusto ma per vincere la partita contano altre cose. Il Cittanova nasce con determinate ambizioni, nelle prime sette giornate era prima in classifica. Vanta giocatori come Silenzi, Cosenza, Viola, Crucitti e il nuovo arrivato D’Angelo. Sappiamo che sarà una gara difficile, rispettiamo il loro valore, ma il nostro cammino passa da questa gara”.

Piccioni e Aita sono regolarmente a disposizione, Panebianco è ancora out come Garetto, che si è sottoposto a intervento chirurgico: “Fortunatamente piano piano stiamo recuperando tutti i ragazzi. Sappiamo che gli infortuni possono capitare. Caballero ha almeno ripreso a lavorare, Giuffrida verrà convocato. Questo è molto positivo perché giocando ogni tre giorni ho bisogno di tutti. È una cosa buona avere tanti ragazzi in forma perché ognuno di loro sa che anche per pochi minuti potrà essere determinante subentrando dalla panchina a gara in corso. Fare tante sostituzioni significa che crediamo molto in loro”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva