Costantino: “Bella finale con la Gelbison. I ragazzi vanno soltanto elogiati”

LodiLodi ci prova su calcio piazzato (foto Marco Familiari)

Ultima partita stagionale per il Fc Messina e classico incontro da dentro-fuori. Al “Franco Scoglio” si affrontano nella finale playoff seconda e terza classificata e l’incontro promette grande interesse, così come sottolinea Massimo Costantino in sede di presentazione: “Per i valori espressi durante tutto l’anno credo che questa sia la finale più giusta, considerato il grande campionato che ha disputato l’Fc Messina così come altrettanto ha fatto la Gelbison. Conosciamo la forza dell’avversario ma siamo consapevoli della grande voglia che abbiamo di vincere la partita. Nutro il massimo rispetto verso di loro ma credo che la mia squadra meriti di vincere i playoff”. 

Palma

Ruggiero in uscita anticipa Palma (foto Marco Familiari)

La post season di serie D spesso vista come un inutile peso sta però regalando partite tirate ed equilibrate. Sulla carta anche la finale promette di essere incerta sino al termine: “Alla vigilia non può escludersi il ricorso ai supplementari anche se poi la partita può andare in diverso modo. I valori sono importanti da ambo le parti e già con l’Acireale abbiamo visto la voglia messa in campo dagli avversari che non hanno regalato nulla perché voleva la qualificazione. Non siamo stati bravi a finalizzare le occasioni avute per non dover affrontare i supplementari. Adesso sappiamo che partita ci attende e contrariamente a quello che si potesse pensare questi playoff sono gare vere”.

Sui singoli il tecnico peloritano ha tenuto ad elogiare il suo gruppo, che da agosto sta portando avanti una stagione interminabile. Un ringraziamento speciale per l’attaccante Carbonaro: “Paolo è stato stoico mercoledì, ha stretto i denti e disputato una grande partita. Come in passato hanno fatto dei suoi compagni non ho dubbi che anche sabato non si tirerà indietro e darà il massimo. Comunque vada ringrazierò la squadra prima del fischio finale per questi cinque mesi che mi hanno fatto passare”. Anche contro la Gelbison saranno ben sette gli assenti: ai lungodegenti Garetto e Giuffrida e ai partenti Bevis e Piccioni si aggiungerà infatti la nuova defezione di Arena.