Coronavirus, 11 nuovi casi a Messina. Quattro guarigioni, 6 ricoveri in meno

bollettinoIl bollettino aggiornato in Sicilia con i dati delle singole province

Resta costante la curva di crescita dei contagi da Coronavirus in provincia. A fronte di una crescita dei tamponi, oltre 2.700 nelle ultime 24 ore in Sicilia, sono undici i nuovi casi di positività a Messina. Un dato compensato dal calo dei ricoveri, che scendono a 127 rispetto ai 133 di giovedì, e da quattro guarigioni, che portano il totale a 52. Fortunatamente non si registra alcun nuovo decesso.

Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento 129 (0 ricoverati, 2 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta 114 (15, 14, 10); Catania 607 (114, 73, 65); Enna 304 (170, 29, 25); Messina 377 (127 ricoverati, 52 guariti, 38 deceduti); Palermo 335 (71, 44, 25); Ragusa 59 (5, 5, 5); Siracusa 101 (58, 60, 16); Trapani 113 (7, 17, 5).

riepilogo

Il riepilogo dei tamponi effettuati e dei pazienti ospedalizzati o in isolamento

La Regione Sicilia ha offerto il consueto quadro riepilogativo della situazione nell’isola, aggiornato alle ore 17 di venerdì 17 aprile, così come comunicato all’Unità di crisi nazionale. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 45.172 (+2.767 rispetto a giovedì). Di questi sono risultati positivi 2.625 (+46), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 2.139 persone (+31), 296 sono guarite (+12) e 190 decedute (+3).

Degli attuali 2.139 positivi, 567 pazienti (-6) sono ricoverati – di cui 46 in terapia intensiva (-2) – mentre 1.572 (+37) sono in isolamento domiciliare. Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal Ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma