Corona: “La dedica sul gol? Vicini a Fiumanò”. Mancini: “Ai playout meglio l’Aversa”

Corona celebra l'1-1

Un’esultanza liberatoria dopo il gol che gli ha consentito di raggiungere la doppia cifra, interrompendo il digiuno personale. La rete dell’1-1 contro l’Ischia è stata celebrata da Giorgio Corona con una dedica speciale. Sotto la maglia del Messina ne indossava infatti un’altra, della quale ha svelato il contenuto: “C’era la foto della zia di Vittorio Fiumanò, siamo tutti vicini a lui ed alla sua famiglia per questa improvvisa scomparsa”. Anche la Redazione di MessinaSportiva si unisce al dolore del responsabile della comunicazione del Messina, porgendogli le più sentite condoglianze.

Giordano battuto sul tiro di Corona (foto Furrer)

Giordano battuto sul tiro di Corona (foto Furrer)

Sulla partita, che ha rischiato di assumere i contorni della beffa, Corona ha poi aggiunto: “È l’annata, capita di creare tanto e di colpire pali e traverse. Poi gli altri segnano al primo tiro, peraltro forse Infantino si trovava anche in fuorigioco nell’azione del gol. Abbiamo comunque reagito e trovato l’1-1. Volevamo vincere, però nel finale siamo calati. In questo momento l’esperienza dice che certe gare non vanno perse. In ottica playout adesso diventa importante la posizione con si chiude il campionato. Siamo in crescita, corriamo tutti e 90 minuti, anche se abbiamo sofferto il primo caldo. La squadra sta bene fisicamente, è unita e deve raggiungere l’obiettivo della salvezza. Squadra, società e tifosi non meritano la retrocessione”.

Corona esce dal campo (foto Furrer)

Corona esce dal campo (foto Furrer)

Il giallo rimediato per proteste lo ha fatto infuriare. “Sono stato ammonito e quando mi arrabbio vuol dire che mi sento preso in giro. Su quel fallo laterale la palla non era uscita. Dobbiamo purtroppo combattere continuamente contro queste situazioni. Forse stiamo antipatici a qualcuno, ma ci salveremo ugualmente”.

In sala stampa anche il centrocampista Manuel Mancini: “Nel corso della settimana ho avuto dei problemi fisici, ma ho accusato anche il caldo e le gambe non erano a posto. I tanti corner non sfruttati ? Lo schema ideale sarebbe quello di riuscire mettere la palla in rete. Magari a volte non sono stato bravo io a batterli, ma siamo stati pure un po’ sfortunati. Abbiamo dato il massimo e ci abbiamo provato comunque anche nel finale, abbiamo giocato come sempre, magari si è avvertita un pò di stanchezza nei minuti conclusivi. Chi vorrei evitare nei playout ? Dico invece chi preferirei affrontare, l’Aversa Normanna”. Corona, però, non è dello stesso avviso…

Commenta su Facebook

commenti