Comanda la Salernitana. Il Matera si ripete e passa a Catanzaro

La formazione del Matera scesa in campo nel 2014 al San Filippo

La Salernitana è sola in vetta. Il quinto turno del girone C di Lega Pro è particolarmente dolce per i granata che staccano le altre contendenti. Il quartetto di testa non c’è più, la squadra di Menichini guarda adesso tutti dall’alto da prima in classifica. Uno scenario frutto dello 0-1 ad Ischia, valso la quarta vittoria del torneo. Il gol partita viene siglato al 38′ del primo tempo da Nalini, al suo primo centro tra i professionisti. Precedentemente i padroni di casa avevano sfiorato il vantaggio con Ciotola. Gialloblù in 10 dall’82’ per l’espulsione di Schetter. Quota 13 raggiunta, a + 2 dalla coppia Lupa Roma-Benevento. Al “Quinto Ricci” di Aprilia, tra le due, è finita 1-1. Accade tutto nella ripresa. Al 27′ i padroni di casa restano in dieci per il fallo da ultimo uomo commesso da Conson che provoca anche il penalty. Eusepi, dagli undici metri, porta in vantaggio i campani. Nonostante l’inferiorità numerica la squadra di Cucciari acciuffa il pari al 35′ con Cascone, salvando l’imbattibilità. Crolla, invece, il Catanzaro, battuto al “Ceravolo” dal Matera. Dopo aver espugnato Messina, la formazione di Auteri si ripete, vincendo 1-2 e piazzando il colpo di giornata. Al 12’ Russotto illude i calabresi, ripresi da Mucciante al 41’. Al 95’ la beffa per i giallorossi: Letizia su rigore si fa parare il tiro da Bindi, ci riprova e viene ancora bloccato, ma Di Noia sulla ribattuta insacca, regalando i tre punti ai biancazzurri.

Brini, tecnico del Benevento

Brini, tecnico del Benevento

Cede in casa anche il Melfi, superato 1-2 dalla Vigor Lamezia. A lanciare i biancoverdi ci pensa Improta, autore di una doppietta tra l’8’ ed il 38’. Nel finale può solo accorciare l’ex messinese Caturano. Tra i lucani, inoltre, espulso l’altro ex giallorosso Guerriera. Si sblocca tra le mura amiche la Casertana, cui basta un gol per regolare un Cosenza sempre più in difficoltà. Al “Pinto” è Bianco a salire in cattedra, con un gran tiro al volo al 9’ che non lascia scampo a Saracco. I “falchetti” danno seguito al blitz di Pagani. Tra Foggia e Aversa Normanna (0-0) ha prevalso, invece, la noia. Poche emozioni al “Granillo” tra Reggina e Barletta che si dividono la posta. Gli amaranto (traversa di Insigne) spezzano la striscia negativa, ma mancano un’occasione ghiotta per risalire. Identico risultato tra Savoia e Lecce. Salentini pericolosi nel primo tempo, con Santurro a dire di no ai tentativi ospiti. Parità anche tra gli espulsi: rosso per Salvi e Checcucci. Nuova beffa, infine, per il Martina. I pugliesi sbloccano con Carretta al 26’ del primo tempo e raddoppiano al 42’ con Arcidiacono dal dischetto. Pur in superiorità numerica per l’espulsione di Bacchetti, i padroni di casa si fanno rimontare. Nella ripresa al 21’ Di Carmine su rigore e al 48’ Contessa siglano l’incredibile 2-2.

I tifosi della Casertana

I tifosi della Casertana

I risultati della quinta giornata: Casertana-Cosenza 1-0, Catanzaro-Matera 1-2, Foggia-Aversa Normanna 0-0, Ischia-Salernitana 0-1, Lupa Roma-Benevento 1-1, Martina-Juve Stabia 2-2, Melfi-Vigor Lamezia 1-2, Paganese-Messina 1-0, Reggina-Barletta 0-0, Savoia-Lecce 0-0.

La nuova Classifica: Salernitana 13, Benevento, Lupa Roma 11, Catanzaro 10, Matera 9, Casertana, Lecce, Vigor Lamezia, Juve Stabia 8, Barletta 7, Savoia, Foggia (-1), Reggina 5, Messina, Paganese 4, Melfi, Ischia, Aversa Normanna 3, Cosenza, Martina 2.

Commenta su Facebook

commenti