Cassa integrazione, D’Angelo: “Gravi ritardi di tre settimane, sforzi vanificati”

lavoratore35mila aziende e 100mila lavoratori attendono la cassa integrazione in Sicilia

“In Sicilia, a partire da mercoledì, secondo quanto detto dall’assessore al Lavoro Antonio Scavone, saranno trasmessi i primi 1.400 decreti all’Inps per avviare il pagamento della cassa integrazione in deroga. Questo ritardo di ben tre settimane da parte della nostra Regione, di fatto, vanifica i grandi sforzi del Governo nazionale per accelerare l’iter burocratico di questo ammortizzatore sociale, così importante in un momento delicato per la nostra economia”. A sottolinearlo la senatrice messinese del Movimento 5 Stelle Grazia D’Angelo.

Inps

Una sede dell’Inps. L’istituto riceverà migliaia di decreti per la cassa integrazione (foto Ansa)

“Questi tardivi adempimenti da parte della Regione Sicilia, vanno a colpire più di 35mila aziende e oltre centomila lavoratori. Ho ascoltato le rassicurazioni dell’assessore regionale Scavone, ma è fin troppo evidente, purtroppo, che non sarà facile rispettare una tabella di marcia veloce, visti i tempi e la quantità di decreti che saranno trasmessi ogni giorno (dai 2.000 ai 2.500 nei prossimi giorni), in relazione all’elevato numero di domande che sono pervenute agli uffici competenti. Così facendo, le risorse economiche arriveranno a maggio inoltrato. Non era questo l’atteggiamento che ci saremmo aspettati dal governo regionale, che non ha compreso le necessità basilari di imprenditori e lavoratori”, ha concluso la senatrice.

Autori

+ posts