Casella: “Spero di firmare qualche assist. Bello girare l’Europa con il Napoli”

Francesco CasellaL'esterno Francesco Casella è cresciuto nel vivaio della Juve Stabia (foto Carmelo Lenzo)

Tra gli elementi più impiegati in casa Fc Messina c’è l’under Francesco Casella, esterno originario di Caserta, fin qui sempre partito titolare tra campionato e Coppa: “Il mister mi sta dando fiducia, anche se la concorrenza non manca, com’è giusto che sia. Spero di dare sempre il mio contributo per aiutare la squadra a raggiungere i risultati prefissati e di firmare magari qualche assist. Ma gli obiettivi della squadra sono prioritari, poi arriveranno le soddisfazioni personali”.

L’esordio casalingo in D ha lasciato un po’ di rammarico: “Con il Licata non siamo andati oltre il pareggio, meritavamo qualcosa in più. Speriamo di rifarci con il Corigliano, anche se sicuramente sarà una partita più difficile rispetto a Palmi. Il mister ci ha già messo in guardia in settimana. Il ritiro in Sila è stato pesante ma ce lo aspettavamo. Sta dando i suoi frutti: anche grazie alla preparazione siamo in forma e stiamo giocando bene”.

Francesco Casella

Francesco Casella in azione a Palmi (foto Familiari)

Il gruppo sta prendendo forma e presto potrà fare affidamento su quattro volti nuovi, Coria, Kamara, Kellian e l’ultimo arrivo Gioria: “Con i grandi c’è una grande intesa. Li prendiamo come esempio, ci aiutano e ci dicono cosa fare. Dobbiamo apprendere da loro per fare bene in campo. Ho trovato tanti bravi ragazzi. Speriamo possano mettersi in mostra al più presto e darci una mano, ma già in allenamento stanno dando il massimo”.

Dopo quattro anni in Campania, Casella ha compiuto il grande salto verso il Piemonte: “Sono cresciuto nel vivaio della Juve Stabia. Poi sono stato a Torino per sei mesi nella “Berretti”, incrociando prima squadra e “Primavera”. È stato il mio primo anno da solo fuori casa e mi sono trovato bene. Eravamo assieme con Chiappino, è stata una sorpresa ritrovarlo qui”. Un passato granata che li accomuna peraltro al presidente Arena, ai direttori Ferrante e Morello e ai compagni più esperti Quitadamo e Fissore.

Francesco Casella

Francesco Casella ai microfoni dell’ufficio stampa

In carriera l’esperienza fin qui più esaltante è legata ovviamente all’ultima annata nella “Primavera” del Napoli: “È stato un anno positivo e il mister mi ha aiutato molto. Grazie alla “Youth League” poi abbiamo affrontato squadre di altissimo livello. Sono stato all’estero per la fase a gironi, in cui abbiamo affrontato i pari età del Psg a Parigi, il Liverpool e poi la Stella Rossa a Belgrado. Siamo stati ospitati da centri sportivi e stadi di grandissimo livello, resta quindi un’esperienza indimenticabile”. 

Oltre a Chiappino, Casella ha ritrovato un altro volto noto in riva allo Stretto: “Conoscevo Correnti perché l’anno scorso era a Palermo. Per il resto mi trovo in un gruppo totalmente buono. C’è una bella intesa e lo spogliatoio si sta formando. Dovremo restare uniti per fare bene in campionato e Coppa. Ci attende peraltro una settimana dura, con tre partite in otto giorni. Abbiamo comunque alternative valide e anche chi ha giocato meno potrà dire presto la sua”. 

Commenta su Facebook

commenti