La Camera: “Il pari ci sta stretto. Il Messina pensava a difendersi”

La Camera, ingaggiato nell'estate 2014 dalla Juve Stabia

In un’intervista rilasciata al sito ufficiale della Juve Stabia il centrocampista gialloblù Giovanni La Camera è ritornato sulla sfida di sabato contro la squadra della sua città. “Il Messina è venuto qua per difendersi, con l’idea ben precisa di chiudere tutti gli spazi e provare a ripartire. Questo è il campionato di Lega Pro, in cui ogni partita è difficile. Abbiamo creato tanto al cospetto di una buona squadra. Il pareggio, dunque, ci sta stretto. Siamo stati ingenui soprattutto in occasione del gol di Corona, dimostrandoci poi bravi a reagire. Il rigore non concesso ? Non parlo mai delle situazioni arbitrali, in quanto i direttori di gara possono sbagliare. C’è stata un pò di sfortuna, dobbiamo capire che occorrerà avere pazienza contro avversarie che verranno a Castellammare puntando a non lasciare troppo campo. I “vecchietti” Corona e Caserta ? Sono dei valori aggiunti per le rispettive squadre. Giorgio non lo scopro io, ha militato anche in Serie A. Tuttò ciò deve far riflettere circa gli aspetti legati all’età media, perchè molto spesso dei giocatori restano a casa o addirittura smettono a causa di regole incomprensibili”.

Commenta su Facebook

commenti