Bruno: “Dimentichiamo il Melfi. A Lecce a viso aperto con il fattore Anastasi”

Luca BrunoLuca Bruno in azione nel match con il Lecce

Tra le piacevoli rivelazioni in casa Messina c’è sicuramente il giovanissimo Luca Bruno, ventenne di proprietà del Crotone che si è conquistato sul campo la fiducia dello staff tecnico, collezionando ben ventidue presenze in stagione. Originario di Longhena, centro della provincia di Brescia, Bruno è cresciuto proprio nel vivaio delle rondinelle e ha esordito in Lega Pro con la maglia de L’Aquila. A Messina ha trovato una continuità di rendimento insperata per un under.

Luca Bruno

Luca Bruno in marcatura su Matera

Anche lui è stato però travolto dal Melfi, in una giornata da incubo per tutto il reparto difensivo peloritano: “È stata una brutta sconfitta, da dimenticare subito. L’approccio alla partita è stato molto negativo e ne abbiamo pagato le conseguenze, prendendo due gol su palla inattiva. Nel secondo tempo abbiamo cercato di imprimere una svolta ma era dura. Loro continuavamo a ripartire e noi l’abbiamo gestita male”.

Mirino puntato sulla prossima sfida, in programma sul campo della vice-capolista, sull’orlo di una crisi di nervi dopo la volata persa con il Foggia, come testimonia anche il silenzio stampa imposto ormai da un mese ai tesserati: “Dovremo cercare di riscattare la sconfitta in casa con il Melfi. Andremo a Lecce con un diverso atteggiamento e maggiore cattiveria. Loro hanno perso l’occasione di salire direttamente in serie B ma restano comunque una grandissima squadra, un avversario tosto. Proveremo ad affrontarli a viso aperto, per portare a casa dei punti”.

Luca Bruno prende posizione, nel corso della sfida con il Fondi

L’attuale +2 sul Monopoli non fa dormire sonni tranquilli, anche in virtù dell’annunciato provvedimento che dovrebbe interessare la classifica dei peloritani: “Il sogno sarebbe quello di salvarsi subito. C’è sempre l’opportunità rappresentata dai play-out ma noi cercheremo comunque di raccogliere il massimo nelle tre partite che restano, a questo punto davvero fondamentali. Sinceramente non sappiamo neanche noi quando ci toglieranno questi punti. Spero che questa penalizzazione non arrivi mai ma purtroppo è attesa a breve. Speriamo di perderne soltanto due”.

In Salento l’ACR ritroverà almeno il suo principale terminale offensivo e avrà l’imperativo di far bene anche per una dedica speciale:Valerio Anastasi è utilissimo, porta avanti la squadra, tiene su il gioco, prende i palloni di testa. Con lui in campo dovremo lanciare la palla in avanti, sarà un vantaggio averlo a Lecce. Ci spiace tanto per Luigi Palumbo, di cui sono amico anche fuori dal campo. Spero si riprenda il più presto possibile. Domenica giocheremo anche per lui”.

Luca Bruno

Bruno gestisce un possesso, nonostante la pressione degli avversari

Reggina, Akragas e Catanzaro proseguono la risalita ma Bruno non tiene ad indicare la rivale da evitare in un eventuale incrocio salvezza: “Non dobbiamo temere nessuno. La nostra bestia nera quest’anno è stato il Melfi ma dobbiamo guardare solo a noi stessi per arrivare alla salvezza. A Lecce dovremo stare in campo con la testa e il cuore per novantacinque minuti e non mollare una virgola. Personalmente sono abbastanza soddisfatto della mia stagione ma conta l’obiettivo di squadra prefissato. Spero di dare ancora un buon contributo alla squadra”.

Commenta su Facebook

commenti