La Berretti del Messina travolge nel derby dello Stretto la Reggina

La squadra Berretti del Messina domina l’intera gara con un gioco spumeggiante mettendo in difficoltà la capolista Reggina. Tra i giallorossi in panchina va Roberto Buttò per via della squalifica del tecnico Peppe Spada, accomodatosi, in tribuna. Gli amaranto davanti alla netta superiorità degli avversari perdono la testa e vanno incontro ad un meritato tracollo. La cronaca: partita equilibrata solo per il primo quarto d’ora iniziale. Fin quando al 15′ un’improvvisa conclusione di Bonanno costringe Palumbo a salvarsi in angolo. Nel prosieguo dell’azione dall’angolo, al 16′, la difesa cerca di liberare ma la palla viene arpionata sul dischetto da Scarbaci che controlla e la piazza alla sinistra del portiere per il vantaggio del Messina. Al 20′ proiezione sulla fascia, vero tallone d’Achille dei calabresi, di D’Angelo con Scionti che prima entra in malo modo sulle gambe del terzino giallorosso e dopo sferra un pugno che l’arbitro non vede. Al 40′ arriva il raddoppio, calcio d’angolo con Sciotto che svetta e colpisce di testa una palla che s’insacca passando tra le braccia del portiere. Nella ripresa, al 12′ D’Angelo scende sulla fascia, entra dal vertice dell’aria e fornisce un assist a Bonanno che tira e fa la barba al palo. Al 18′ combinazione Lia-Bellamacina, palla dietro verso Scarbaci che tira fuori. Al 20′ lancio in profondità di Bellamacina che pesca Bonanno, il tiro di quest’ultimo fa la barba al palo. Al 30′ punizione di Bonanno, la palla colpisce il palo e rimbalza sulle mani del portiere Palumbo. Al 32′ la Reggina resta in dieci per l’espulsione di Perrone. Al 35′ arriva il terzo gol per il Messina. Dopo uno scambio con Lia è Bellamacina ad effettuare un lancio profondo che pesca Bonanno davanti al portiere che respinge la prima conclusione dell’attacante peloritano ma nulla può sul secondo tiro.

Una fase di gioco della Berretti del Messina

Una fase di gioco della Berretti del Messina

Al 42′ azione manovrata con Lia che fa intervenire Ardiri, palla a Bellamacina che trova al centro Bonanno, questa volta l’attaccante fa centro immediatamente piazzando la sfera alla destra del portiere per il quarto gol del Messina. Al 44′ Mangiola della Reggina si fa espellere per fallo di reazione su Giove. Pur in nove la squadra calabrese trova il gol della bandiera al 49′ quando Aleo non protegge bene la palla davanti all’inoperoso Scardino, ne approfitta Bramucci, la cui zampata finisce in rete. Tripudio giallorosso al fischio finale del direttore di gara per la bella prestazione fornita proprio nel giorno del derby.

MESSINA-REGGINA 4-1
Reti: 16′ pt Scarbaci (M), 40′ pt Sciotto (M), 35′ e 42′ Bonanno (M), 49′ Bramucci (R)
Messina: Scardino, D’Angelo, Gitto, Bellamacina, Aleo, Sciotto, Lia (42′ st Calafati), Crisafulli (36’st Ardiri), Bonanno, Scarbaci (32′ st Giove), Mosca. All. R. Buttò
Reggina:Palumbo, Scionti, Lombardo, Mazzone, Lucisano (38′ pt Scaline), Di Napoli ( 1′ St Lorefice), Perrone, Gioia, Condemi, Scopelliti (20′ St Mangiola), Bramucci. All. G. Tedesco
Arbitro: Costantino di Barcellona P.G.
Ammoniti: Condemi(R), Mazzone (R), Perrone (R), Sciotto (M), D’Angelo (M)
Espulsi: 32′ st Perrone e 44′ st Mangiola (R)
Recupero tempo: pt 3′; st 6′

Commenta su Facebook

commenti