Barbera: “Sullo sport è stata la peggiore Amministrazione degli ultimi decenni”

Antonio BarberaL'assessore designato allo sport Antonio Barbera

Il candidato sindaco di Messina del centrodestra, Maurizio Croce, e l’assessore designato allo Sport, Barbera, sono stati protagonisti della terza “operazione verità” dal titolo: “Porte chiuse. Lo sport negato”.

Croce e Barbera

Maurizio Croce e Barbera, sullo sfondo il “Franco Scoglio”

«Quando ho determinato, in maniera del tutto autonoma, la mia squadra di assessori – dichiara Croce – ho subito pensato a una figura che non conoscevo personalmente ma di cui avevo profonda stima. Un profilo competente, pacato e che mette al primo posto Messina. Per questi motivi ho scelto Antonio Barbera, un professionista che ricalca, perfettamente, lo stile che intendiamo mantenere nel nostro lavoro di rilancio della città di Messina. Abbiamo bisogno di esperti come Barbera per rilanciare un settore tanto penalizzato e che ha perso dignità, come lo sport».

Antonio Barbera ha esposto la sua visione progettuale per le attività sportive cittadine e descritto l’impietoso quadro degli impianti cittadini. «Lo sport è passione, vita, ma anche lavoro e opportunità di sviluppo. In questi anni abbiamo assistito alla banalizzazione dello sport, come se si parlasse di gioco e non di un’attività che coinvolge, appassiona e impegna migliaia di cittadini. Come Amministrazione, desideriamo che lo sport torni al centro dell’attività di governo. Tra le proposte che facciamo c’è quella di un “cortile” per ogni quartiere, perché lo sport è un aiuto fondamentale per la crescita e la formazione dei nostri ragazzi. In ogni quartiere deve esserci uno spazio dove giocare a calcio, basket, pallavolo e senza essere, necessariamente, iscritti a qualche associazione».

Croce e Barbera

Il candidato sindaco Croce e l’assessore allo sport Barbera, dietro i seggiolini del “Celeste”

«Dal momento della mia designazione – spiega l’assessore designato – ho deciso di girare la città: ho visto, fotografato, verificato con mano quali fossero le condizioni delle strutture sportive. Un quadro drammatico, fatto di abbandono e desertificazione. La nostra città gode di eccellenze sportive: penso all’Akademia Sant’Anna appena promossa in A2 di pallavolo, ma costretta a emigrare lontano da Messina per la condizione pietosa dei palazzetti messinesi. Come è possibile accettare tutto questo? Non possiamo pensare che non esistano responsabilità – chiarisce Barbera – dato che chi presiede la società aveva palesato all’Amministrazione i problemi delle strutture già dallo scorso giugno, premettendo di aver costruito una squadra che puntava al salto di categoria. Questo è disinteresse, nient’altro. L’Amministrazione precedente è stata la peggiore in materia di sport degli ultimi decenni». 

Esempi del genere – prosegue Barbera – ne potrei fare tanti: penso alla Top Spin, neo scudettata nel tennistavolo, che si allena e gioca in una palestra in cui i vetri sono oscurati da fogli adesivi. Grave, ma nulla in confronto al fatto che devono spogliarsi in uno stanzino e lasciare l’unico spogliatoio agibile, per dovere di ospitalità, alle squadre avversarie. Inaccettabile. Potrei proseguire, parlando della piscina comunale “Graziella Campagna” chiusa per la mancata copertura dei costi, o del tetto crollato della Cappuccini. Abbiamo deciso di mostrarvi le immagini, inequivocabili: quelle di tanti campi sportivi, che abbiamo censito, totalmente abbandonati, con le società dilettantistiche costrette a dividersi le poche strutture funzionanti o, peggio, andare altrove».

Croce e Barbera

Croce e Barbera hanno denunciato le condizioni della palestra di Villa Dante

Il passaggio finale, nel corso della conferenza, è stato dedicato allo stadio “Franco Scoglio” e al bando per l’affidamento pluriennale: il progetto della coalizione di centrodestra prevede un accorpamento della struttura con il PalaRescifina«Lo stadio Scoglio non può essere abbandonato alle condizioni attuali: non esistono servizi igienici, spesso non è presente l’acqua corrente, non c’è un bar o punto ristoro per i tifosi presenti. C’è un campo e degli spalti, basta. Dobbiamo pensare a un bando che accorpi lo stadio al PalaRescifina, nell’ottica di rendere l’operazione attrattiva per chi investe. Prima, però, dobbiamo dotarlo di una copertura e garantire un’agibilità superiore ai 6.900 posti attuali. Sullo stadio Celeste – conclude Barbera – pensiamo a un centro polifunzionale da destinare alle attività giovanili». 

Autori

+ posts
The following two tabs change content below.