Argurio: “Siamo già un grande gruppo. Tre punti contro una big”

Il direttore sportivo Christian ArgurioIl direttore sportivo del Messina Christian Argurio

Grande soddisfazione in casa Messina dopo la splendida affermazione con il Cosenza. Non può nascondere la soddisfazione per una formazione che gira a mille e che con una gara ancora da recuperare è già capolista “virtuale” il direttore sportivo Christian Argurio: “I rossoblu sono tra le big del torneo, quindi siamo doppiamente contenti del risultato. La squadra affidata a Roselli ha individualità e gioco ma noi siamo riusciti ad avere la meglio. E da messinese la soddisfazione è sempre doppia quando si vince. Sono tre punti meritati conquistati contro una grande squadra”.

Fornito effettua un lancio in profondità sotto gli occhi di Cocuzza e Martinelli

Fornito effettua un lancio in profondità sotto gli occhi di Cocuzza e Martinelli

Come era già avvenuto a Benevento, anche nella “prima” al San Filippo i biancoscudati sono apparsi sorprendentemente in palla, a dispetto di una preparazione alternativa e dell’assenza di un vero e proprio ritiro estivo, che hanno sostenuto ad esempio i silani: “Per ciò che concerne il discorso atletico abbiamo dovuto disputare tre gare in otto giorni. Per noi sono davvero tante, ma abbiamo sopperito con le doti di un gruppo che è già squadra grazie a ragazzi davvero straordinari. Tra questi 21 elementi è impossibile scegliere tra titolari e riserve”.  

Per il dirigente messinese sono già emerse le qualità degli uomini di Di Napoli: “Arturo ha come sempre letto benissimo la gara e l’ha gestita impeccabilmente. Noi siamo stati cinici nei momenti chiave del match, passando subito in vantaggio e gestendo benissimo. Nel secondo tempo è maturato immediatamente il raddoppio ed abbiamo quindi potuto chiudere con tranquillità. Ovviamente per portare tutti sullo stesso livello fisico ci serve ancora del tempo”. E d’altronde lo stesso Di Napoli aveva annunciato un richiamo di preparazione, che sarà svolto a partire dalla settimana alle porte.

Commenta su Facebook

commenti