Arena: “Infront ci renderà più forti. A Messina per unire e non per dividere”

Rocco ArenaUn primo piano di un sorridente Rocco Arena (foto Alessandro Denaro)

Il Fc Messina è riuscito a imprimere una prima svolta alla sua stagione ma l’attuale sesto posto e una classifica molto corta impongono cautela al presidente Rocco Arena: “Siamo contentissimi e speriamo di arrivare bene alla sosta natalizia. Sarebbe molto importante dare continuità”.

Determinante si è rivelata fin qui una rivoluzione a metà, con la promozione dello staff che affiancava già in precedenza Costantino: “Sono orgoglioso della scelta di Gabriele, abbiamo fatto bene a puntare su di lui. La stima per Costantino però resta immutato: è anche merito suo se la squadra esprime un buon calcio, spero possa tornare presto ad allenare. Crediamo in questo gruppo e non a caso stiamo già parlando del rinnovo con Coria e Carbonaro”.

Cateno De Luca

Il sindaco Cateno De Luca interverrà per un saluto alla cena natalizia del Fc Messina

Per rinsaldare lo spirito di gruppo, la proprietà ha voluto programmare già per domenica la cena natalizia, alla quale interverrà anche il sindaco Cateno De Luca: “Sono felice dei ragazzi, rappresentiamo una famiglia, come dimostra la commozione di chi ha lasciato il gruppo per via del mercato. Ho voluto anticipare la cena per via di alcuni impegni previsti nelle settimane successive. Sarà presente per un saluto anche il primo cittadino, con cui i rapporti d’altronde sono cordialissimi”. 

Anche questa settimana il Fc è tornato a sostenere la partitella del giovedì al “Celeste”, dove si è rivisto Melillo: “Si sta riprendendo e inizierà a forzare un po’ dalla prossima settimana. Vogliamo recuperarlo anche perché è un ragazzo che trasmette allegria ed è importante per lo spogliatoio. Come mai tanti argentini in gruppo? È casuale, anche se viviamo il calcio in modo simile. Fernandez? Purtroppo manca ancora qualche documento e la sua posizione non si sta sbloccando come ci era stato prospettato. Saranno dg e ds a decidere il da farsi e se è il caso di aspettarlo ancora”.

Ezequiel Melillo

L’argentino Ezequiel Melillo prosegue la lunga riabilitazione (foto Il Cigno Art)

La riapertura della struttura di via Oreto resta però lontana, dal momento che fin qui soltanto i Vigili del Fuoco si sono pronunciati: “Attendiamo una riunione della Commissione di Vigilanza. Ho letto che è stata avviata anche una petizione: speriamo possano essere raccolte molte firme, che poi consegneremo all’Amministrazione”.

Arena lavora in sinergia con Infront per garantirsi fondamenta più solide: “Dopo le festività incontrerò nuovamente il nostro partner. Stiamo lavorando per assicurarci altre sponsorizzazioni o il supporto di imprenditori che possano affiancarci. In tal senso ringrazio la famiglia Faranda e il suo marchio per la costante vicinanza alla squadra e alla città. Il rapporto con la multinazionale potrà essere ancora più significativo con l’eventuale professionismo”.

Giuffrida e Quitadamo

Giuffrida e Quitadamo in allenamento al “Celeste” (foto Marco Familiari)

Il presidente lancia un messaggio anche alla tifoseria organizzata e all’Acr: “Con le feste alle porte, spero che presto la città possa unirsi sotto un unico nome. Non sono qui per dividere ma per unire, la mia porta è sempre aperta. Dobbiamo assolutamente diventare una realtà importante, che sia rispettata in Sicilia ma anche in tutto il Sud”. 

Il massimo dirigente continua però a dividersi con la Spagna, dove il suo Cfi Alicante è capolista nella Preferente Valenciana, la quinta serie iberica, con dieci vittorie e tre pareggi a tre giornate dal giro di boa: “Non ci sono promozioni dirette ma la prima classificata avrebbe il vantaggio del fattore campo nei playoff. Nell’ultimo turno abbiamo battuto in rimonta l’Horadada degli ex Perez e Ventura, che in estate erano stati in ritiro in Sila. L’anno scorso ci avevano beffato all’ultima giornata, ci siamo riscattati”.

Santoro, D'Amore, Arena e Mento

Santoro, D’Amore, Arena e Mento, i vertici del Fc Messina (foto Giovanni Chillemi)

Arena non ritiene che il doppio impegno possa rappresentare una distrazione: “Non vogliamo disperdere le forze ma anzi immaginiamo una sinergia tra i settori giovanili. Non a caso stiamo valutando anche un impegno in Inghilterra. Peraltro ad Alicante e a Elche, dove vivo con mia moglie, sono curiosi e mi chiedono sempre di Messina. Abbiamo qualche simpatizzante in più”. 

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

Commenta su Facebook

commenti