Adorante: “Scoccata una scintilla in testa. Capuano? Devo fare a sportellate”

AdoranteAdorante ancora a segno a Potenza (foto Ciccio Saja)

Andrea Adorante ha firmato un’altra splendida rete, di testa, sul traversone dalla destra di un ispirato Morelli. Per la punta cresciuta nei vivai di Inter e Parma è già la quinta rete stagionale con la maglia del Messina. Sembra essere stato determinante l’avvicendamento in panchina tra Sullo e Capuano.

Adorante

Adorante fa festa con i compagni sotto il settore ospiti

“Sicuramente per la squadra è scoccata una scintilla in testa, dovevamo svegliarci – ha commentato in sala stampa -. Era la partita giusta per metterci in riga e iniziare un campionato come si deve. Bisogna dare una svolta, la classifica non rispecchia la nostra qualità, puntiamo ad andare più in alto. È stata una gara in cui abbiamo deciso di metterci lì con un’altra mentalità tutti e 23, anche chi è rimasto in panchina”. 

Con Vukusic out come Milinkovic, è cambiato compagno di reparto in attacco ma soprattutto i compiti richiesti dal nuovo tecnico: “Il mister ha altre tattiche di gioco, dinamiche differenti, vuole una prima punta che faccia a sportellate. Giocando con Balde che è esplosivo e punta sulla velocità, deve giostrare meno in profondità. Scelte che apprezziamo e nei momenti di difficoltà che ci sono stati anche a Potenza anche gli attaccanti sono riusciti a emergere senza farci mettere sotto. Siamo migliorati da alcuni punti di vista, il tecnico ci ha dato uno sprono importante”. 

Adorante

L’esultanza di Adorante, al quinto gol in stagione

Sarà finalmente più semplice preparare i prossimi impegni. Mercoledì tra l’altro sarà di scena a Messina la Vibonese e una vittoria potrebbe dare una spinta decisiva verso i playoff, distanti adesso appena quattro lunghezze, allontanando le posizioni calde: “Allenamenti e partite con una vittoria in testa si affronteranno diversamente, con il sorriso e meno ansia di prestazione. Lavoreremo per portare a casa un altro risultato. Vukusic o Balde? Non ho preferenze, sono compagni favolosi. Ibou è più una seconda punta, un esterno, Ante ha caratteristiche più simili alle mie. Se due giocatori si conoscono, hanno voglia di fare e dimostrare possono coesistere. L’importante è correre, segnare e onorare la maglia”.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma