Addessi: “Arrabbiati per la sconfitta. Ma siamo noi la squadra più forte”

palo AddessiUno dei due legni centrati dall'Acr nella sfida con il Fc

La stracittadina persa con il Fc Messina ha consentito all’attaccante Simone Addessi di fare finalmente il suo esordio. Soltanto un clamoroso palo non gli ha consentito di realizzare subito una rete, che avrebbe avuto grande importanza: “Siamo molto arrabbiati per la sconfitta ma siamo consapevoli di essere una grande squadra. Sicuramente ci rialzeremo e fin dagli allenamenti punteremo con decisione alla prossima partita”.

Caballero e Sabatino

Un contrasto aereo tra Caballero e Sabatino

Alla formazione allenata da Raffaele Novelli è mancato cinismo, fortuna e anche qualche interpretazione arbitrale è finita nel mirino dei peloritani: “Credo che il risultato sia bugiardo perché loro a parte il rigore, che secondo me era da annullare per il doppio tocco, noi abbiamo creato tanto. Siamo stati sfortunati e non ci è stato assegnato un altro penalty per fallo su Arcidiacono. Abbiamo colpito un palo pieno e uno scheggiato”.

A pesare anche le pessime condizioni del fondo di gara, che non hanno esaltato le caratteristiche dei giocatori dell’Acr Messina: “Sapevamo che avrebbero messo la gara sulla fisicità mentre noi siamo più brevilinei e prediligiamo giocare palla a terra ma il campo non lo permetteva. Tanti lanci lunghi e le palle alte andavamo meglio al Fc”.

Cascione e Carbonaro

Cascione in marcatura su Carbonaro (foto Marco Familiari)

Secondo l’ex attaccante della Cavese cresce comunque la consapevolezza nello spogliatoio: “Per me comunque abbiamo disputato un’ottima partita. Siamo la squadra più forte, siamo solo alla quinta partita e sicuramente potremo dire la nostra. Volevamo dare continuità di risultati, è normale che ci sia amarezza ma ora guardiamo avanti. Ci impegneremo, abbiamo una rosa ampia, nella quale tutti possono dire la loro”.

L’infortunio accusato in Campania, che di fatto lo ha costretto a saltare anche la preparazione estiva a Polla, è stato superato in tempi più brevi rispetto a quanto inizialmente preventivato: “Fisicamente sto riprendendo piano piano. Erano nove mesi che non giocavo e voglio ringraziare il professor Bramanti e tutti i medici e i fisioterapisti del centro Bonino Pulejo, perché hanno fatto un lavoro straordinario che ha accorciato notevolmente i tempi del mio recupero. Se sono tornato già in campo lo devo sicuramente a loro”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva