Tony Cairoli debutta nel mondiale con un podio per una nuova stagione da protagonista

Il debutto mondiale di Tony Cairoli regala un podio e diversi segnali confortanti per il proseguo del campionato. Sulla splendida pista di Villa La Angostura, in Patagonia (Argentina), il pilota messinese si è ritagliato un ruolo da protagonista in ogni gara del weekend argentino, confermando una condizione fisica ottimale oltre alle già collaudate doti di guida messe in mostra in questi anni.

Tony Cairoli

Una straordinaria acrobazia di Tony Cairoli,

Con ottime condizioni meteo e la piacevole temperatura della fine estate sudamericana, dopo aver segnato il settimo tempo nelle prove cronometrate, Cairoli con la sua KTM 450 SX-F nella manche di qualifica del sabato è scattato molto bene alla partenza e dopo le prime curve era già in testa al gruppo. Dopo aver segnato il giro record al quinto passaggio, Cairoli ha mantenuto un margine di tutta sicurezza, andando a conquistare la prima pole stagionale, davanti a Van Horebeek (Yamaha) e Desalle (Kawasaki).

Tony Cairoli durante la sessione autografi

La domenica, al via di gara uno, Cairoli ha subito segnato l’holeshot e ha impresso un ritmo sostenuto guadagnando un buon gap sugli inseguitori. Nel finale resisteva bene all’attacco di Herlings (KTM) andando a vincere la prima manche stagionale. Gara due sembrava la fotocopia della prima, con il nove volte iridato al comando per tutta la manche. Nel finale però ancora Herlings arrivava a mettere pressione sul siciliano che, complice il rallentamento per un paio di doppiaggi, perdeva il ritmo buono e proprio ad inizio ultimo giro subiva il sorpasso dell’olandese.

Con un primo ed un secondo posto a testa, ad aggiudicarsi la vittoria finale del Gran Premio era Herlings per la discriminante del risultato di gara due. In  testa alla classifica provvisoria MXGP dopo il primo appuntamento stagionale troviamo la coppia italo-orange a pari punti. Un duello che potrebbe anche trasformarsi in una costante di tutta la stagione. “Ho fatto un weekend quasi perfetto – ha commentato soddisfatto Cairoli -. Peccato per il finale della seconda manche, dove ho incontrato alcuni doppiati e sono stato costretto a cambiare alcune traiettorie, sbagliando un paio di canali e perdendo velocità. Ho perso un po’ il ritmo proprio mentre Jeffrey si avvicinava e spingeva al massimo. Ero anche un po’ stanco e lui ha colto l’occasione per superarmi. Comunque abbiamo fatto un gran risultato per KTM, un 1-2 in entrambe le manche e di sicuro abbiamo dato spettacolo”.

Commenta su Facebook

commenti