Un’incompleta Amatori Messina s’illude per un tempo. L’Agatirno svolta il match nella ripresa

9 Cefalù AmatoriDopo tre sconfitte consecutive la Nuova Agatirno Capo d’Orlando ritorna al successo, il primo del 2014 ed il quinto stagionale che le regala il sesto posto in solitario in classifica ai danni di un’Amatori Messina in formazione largamente rimaneggiata che per un tempo ha cullato il sogno di espugnare il PalaFantozzi, prima di crollare fisicamente nel terzo quarto nel quale è incappata in un parziale negativo di 31-13 che ha orientato lasfida a favore dei padroni di casa. I nero arancio di coach Mario Maggio infatti arrivavano all’appuntamento in terra paladina con l’assenza del capitano e fromboliere storico Centorrino, squalificato dal Giudice Sportivo per tre partite dopo la beffarda sconfitta con Licata, oltre a quelle del play Adorno e dell’ala Arrigo, registrando così la sesta sconfitta consecutiva in campionato in un girone di ritorno fin qui assolutamente da dimenticare. Organico al gran completo invece per i ragazzi allenati da Renato Franza, ancora col dente avvelenato per la sconfitta rimediatauna settimana fa negli ultimi istanti di partita contro l’FP Sport. La sfida sul parquet paladino è godibile e caratterizzata dagli alti ritmi in avvio con l’Agatirno che mantiene la testa avanti di stretta misurarispetto al team della città dello Stretto.

L'ala-pivot Filippo Cordici (Nuova Agatirno), autore di

L’ala-pivot Filippo Cordici (Nuova Agatirno), autore di 25 punti

Il primo quarto conferma l’equilibrio visto in campo chiudendosi col vantaggio orlandino di cinque punti, sul punteggio di 20-15. Nel secondo quarto esce tutto il cuore dell’Amatori Messina, la squadra peloritana infatti  nonostante un organico risicato nelle rotazioni mette la testa avanti trascinata dai quarantasei punti del tandem Mondello, la giovane ala, prodotto del vivaio ottiene, così il suo career high, e Restuccia. Messina, pur con tre senior assenti, all’intervallo lungo può legittimamente condurre di stretta misura sul 35-38.
Alla ripresa delle ostilità accade quanto da molti immaginato, le gambe cominciano a tradire le idee degli ospiti che mandano solo i due citati uomini in doppia cifra mentre Capo d’Orlando viene trascinata dalla coppia Cordici (25 punti)-Strati (23) che capovolgono completamente l’incontro arrivando al più sedici (66-51) all’ultimo mini riposo. Nell’ultimo quarto l’Agatirno deve solo preoccuparsi di amministrare il cospicuo vantaggio chiudendo l’incontro con diciassette punti di margine. E’ il quinto successo stagionale per l’Agatirno che, forte della vittoria, può arrivare più tranquilla al difficile match esterno sul campo del quotato Cefalù, l‘Amatori invece cercherà di recuperare qualche uomo più esperto per provare a ritrovare la vittoria nella stracittadina contro la Mia Basket.

Il play MArco Strati (Agatirno), ha messo a referto 23 punti

Il play Marco Strati (Agatirno), ha messo a referto 23 punti

Nuova Agatirno-Amatori Messina 85-68
Parziali: 20-15; 35-38 (15-23); 66-51 (31-13); 85-61 (19-17)
Agatirno: Galipò 6, Cordici 25, Strati 23, Crisà, Busco 11, Ettaro, Sindoni, Randazzo 4, Giuliano 8, Munastra 6, Pappalardo, Motta. All: Franza
Amatori: Mondello 26, Maggio 4, Pistorino 5, Marchese ne, Irrera 2, Di Mauro ne, Casablanca 2, Romano, Restuccia 20, Valitri 7, Amato 2. All: Maggio
Arbitri: Cappello e Anzaldi

Autori

+ posts