Un Città di Messina impreciso e sfortunato cade a Battipaglia

Il senegalese Modou Seck in azione (foto Giovanni Isolino)
Il senegalese Modou Seck in azione (foto Giovanni Isolino)

Il senegalese Modou Seck in azione (foto Giovanni Isolino)

Nonostante una buona prestazione, la squadra di Panarello esce a mani vuote dal “Pastena”: decisiva la doppietta di Olcese, a bersaglio al 33′ del primo tempo e poi nella ripresa in pieno recupero. Grande rammarico per un notevole numero di occasioni sprecate (clamorosa quella capitata a Bonamonte sull’1-0) e per alcune decisioni quantomeno dubbie del direttore di gara.

Un buon Città di Messina tiene testa alla più quotata Battipagliese ma l’ottima prestazione non è sufficiente per strappare punti sul difficile campo dei campani. Gara equilibrata fin dall’avvio e proteste ospiti al 6′ per un intervento in area ai danni di Manfrè. A sbloccare il punteggio al 33′ è il bomber di casa Olcese, in rete sugli sviluppi di un calcio piazzato. Tra la fine del primo tempo e la prima parte della ripresa tante buone chance per gli ospiti: su tutte quella che vede protagonista Bonamonte, che al 15′ del secondo tempo si ritrova tutto solo davanti al portiere ma fallisce il gol del possibile 1-1. A 10′ dal termine ancora proteste ospiti per un fallo in area, apparso evidente, ai danni di Brancato. In pieno recupero ecco, infine, arrivare in contropiede il definitivo 2-0, firmato ancora da Olcese. La sconfitta subita dopo quattro risultati utili complica i piani di rimonta dei ragazzi di Panarello, chiamati domenica prossima al pronto riscatto in casa contro il Licata.

L'esterno Salvatore Trovato (foto Giovanni Isolino)

L’esterno Salvatore Trovato (foto Giovanni Isolino)

La Cronaca – Il tecnico del Città di Messina, privo di Cappello, Munafò, Costa, Pino e Nastasi, modifica l’assetto della sua formazione proponendo il 3-5-2: in porta torna Mannino, in difesa Puzone, Frassica e Cammaroto, sulle corsie Brancato e Trovato, in mezzo al campo Seck, Camarda e Bonamonte, in attacco Vella e Manfrè.

Ottimo l’impatto con la gara degli ospiti: dopo 6 minuti Manfrè si invola verso la porta di Bianco ma perde l’attimo buono per calciare, l’azione prosegue e lo stesso attaccante viene fermato duramente dall’intervento di un avversario, va giù in piena area reclamando il rigore ma l’arbitro non è dello stesso parere. La Battipagliese nella prima parte dell’incontro fatica ad avvicinarsi con pericolosità dalle parti di Mannino: al 15′ ci prova il capitano Manzo ma il suo tiro dalla distanza termina a lato. Stesso esito, sul fronte opposto, per il sinistro di Vella due minuti più tardi. Padroni di casa vicini al gol al 21′: Boldrini difende bene palla in area e serve Alleruzzo, il cui diagonale da destra sfiora il palo prima di terminare sul fondo. Nuove proteste ospiti al 23′, quando la punizione di Vella viene ribattuta forse con un braccio da un difensore campano. Al 28′ ancora una buona occasione per Alleruzzo, che viene liberato dal lancio illuminante di Manzo, si ritrova davanti a Mannino ma viene fermato dall’ottimo intervento del portiere messinese. Al 31′ tentativo di Camarda su calcio di punizione: il destro del capitano è angolato ma non abbastanza potente per sorprendere Bianco. Al 33′ la Battipagliese trova il vantaggio: il gol nasce dall’ennesima decisione discutibile dell’arbitro Rognoni, che assegna una punizione ai padroni di casa dopo uno scontro tra Manzo e Cammaroto; del calcio piazzato si incarica Platone, palla in area, sponda aerea di Alleruzzo e zampata vincente di Olcese, già autore di una tripletta nel match di andata. La reazione del Città di Messina è quasi immediata e al 35′ Vella riceve in area, si gira bene e calcia con violenza sfiorando il palo alla sinistra del portiere. Prima dell’intervallo è Cammaroto ad impegnare il numero uno avversario sugli sviluppi di una punizione di Camarda, ma il gioco era stato fermato per una segnalazione di fuorigioco. Si va al riposo con il punteggio sull’1-0.

Il centrocampista Francesco Munafò gestisce un possesso sotto gli occhi del centrale difensivo Emanuele Frassica (foto Giovanni Isolino)

Il centrocampista Francesco Munafò gestisce un possesso (foto Giovanni Isolino)

Al rientro in campo Panarello inserisce Parachì per Puzone dando il chiaro segnale di voler provare a recuperare in fretta lo svantaggio. Dopo appena un minuto buona occasione per Vella, che raccoglie un cross da sinistra di Trovato, anticipa di testa il proprio marcatore ma manda il pallone oltre la traversa. Al 4′ Mannino si oppone al colpo di testa di Olcese rifugiandosi in corner. Al 7′ nuova conclusione di Vella, che stavolta calcia di destro dal limite e non centra la porta per pochi centimetri. Nel frattempo per la Battipagliese si aprono ampi spazi in contropiede e al 9′ Olcese viene chiuso al momento della battuta dal tempestivo intervento di Cammaroto. Poi è Manzo, al 13′, a chiamare Mannino alla parata a terra con un sinistro da fuori. La migliore occasione della ripresa capita però agli ospiti al quarto d’ora: cross da sinistra di Parachì, Vella prolunga di testa spedendo il pallone sui piedi di Bonamonte, che si ritrova tutto solo davanti al portiere ma lo grazia calciando debolmente e favorendone l’intervento. Al 17′ Vella ci riprova: il numero 11 ospite si libera bene in area e calcia di sinistro ma trova la risposta in due tempi di bianco. Al 24′ Manzo si esibisce in una rovesciata spettacolare per coordinazione ma imprecisa e il pallone finisce alto. Poco dopo si rivede Portovenero, al rientro dopo l’infortunio alla caviglia: il fantasista classe ’96 rileva Bonamonte e cerca subito la porta con un destro da fuori che però non inquadra il bersaglio. Il Città di Messina non demorde e costruisce una nuova occasione al 27′: Camarda lancia Vella, sinistro in corsa e parata di piede di Bianco. Il rammarico degli ospiti cresce al 35′, quando Brancato viene falciato in area ma l’arbitro incredibilmente non interviene. Al 38′ Manzo prova a sorprendere Mannino ma manda alto. Al 45′ c’è spazio per l’ennesima conclusione di Vella ma anche questa volta il suo sinistro termina a fil di palo. Nel primo minuto di recupero arriva infine il raddoppio di Olcese, che finalizza un contropiede orchestrato da Manzo. 2-0 il finale.

L'ex mamertino Emanuele Frassica (foto Giovanni Isolino)

Il centrale difensivo Emanuele Frassica (foto Giovanni Isolino)

Il tabellino

Battipagliese – Città di Messina 2-0

Marcatori: 33′ pt e 46′ st Olcese.

Battipagliese: Bianco, Pastore, Garofalo, Gatta, Barbato, Mongiello, Alleruzzo, Cammarota, Olcese (48′ st Odierna), Manzo (43′ st Itri). In panchina: Viscido, Anzalone, Fiorillo, Pumpo, Casandrino, Volpe, Donisa. Allenatore: Luigi Squillante.

Città di Messina: Mannino, Brancato, Trovato, Puzone (1′ st Parachì), Cammaroto, Frassica, Bonamonte (24′ st Portovenero), Seck (36′ st Galletta), Manfrè, Camarda, Vella. In panchina: Fazzino, Nicolò, Cucè, Fragapane,  Calogero. Allenatore: Antonino Panarello.

Arbitro: Alessandro Rognoni della sezione di Arezzo.
Assistenti: Davide Innaurato della sezione di Lanciano e Giulio Basile della sezione di Chieti.

Ammoniti: 5′ pt Manzo (B), 30′ pt Barbato (B), 28′ st Portovenero (CdM), 28′ st Camarda (CdM), 42′ st Garofalo (B).
Espulsi: nessuno.

Recupero: 0′ pt, 5′ st.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com