Trofeo delle Regioni 2014: successo sulla Campania per la Sicilia maschile che resta in corsa per la qualificazione

Nella seconda giornata del Trofeo delle Regioni Kinder+Sport Maschile, successo per Lombardia, Lazio, Emilia Romagna, Toscana e Basilicata. La Sicilia allenata da Massimo Di Gregorio vince la sfida spareggio con la Campania e rimane in corsa per conquistare la qualificazione ai quarti di finale. Nel gruppo giallorosso figura anche il paladino Samson Carianni, giocatore in forza all’Upea Orlandina. Domani, mercoledì 23 aprile, la terza e ultima giornata della fase a gironi, i ragazzi dell’Isola saranno attesi dallo scontro contro il Lazio, squadra imbattuta dopo due giornate.

GIRONE A
LOMBARDIA – PIEMONTE 78-68
(11-12; 41-32; 61-52)
Lombardia: Capelli 13, Puglisi 9, Nasini 10, Berra 11, Ferrari 13, Spila 3, Laffitte 7, Cipolla ne, Maccan, Chinellato 5, Bosatelli 2, Cremaschi 1. All. Saibene.
Piemonte: Viano, Segura 4, Maule 9, Abrate 17, De Santis 11, Piccio ne, Ferrigno, Pelassa, DeBartolomeo 20, Apuzzo 5, Carnaghi, Borsello 2. All. Squarcina.
Arbitri: Peruzzi, Foti

Grande partenza della Lombardia che conduce 9-2 dopo 3’ di gioco, costringendo il Piemonte al time out; dalla sospensione torna bene in campo il Piemonte che si porta sul 12-11 alla fine del primo periodo. Secondo quarto che si accende, la Lombardia accelera, trova il sorpasso e allunga sul +11 a 2’ dall’intervallo (38-27). Abrate segna la bomba del -8 per i sui sul 39-30; a metà partita 41-32 a favore delle lombarde. In apertura di terzo periodo la Lombardia piazza un 7-0 che in 3’ li porta sul 48-32, ma Apuzzo prova a dare la carica ai suoi con un gioco da tre punti; due bombe consecutive di Capelli (3/3 nel quarto) danno alla Lombardia il +21 (56-35). Il Piemonte non demorde e a fine terzo quarto è sotto di 9 (52-61). Il Piemonte cerca di proseguire la rimonta, ma la Lombardia resiste e vince 78-68.

123ABRUZZO – SARDEGNA 49-42
(8-7; 19-24; 29-27)
Abruzzo: Faragalli Serroni, Berardi 9, Del Sole 8, D’Ippolito 2, Fasciocco 11, Toro, Di Censo 4, De Guglielmo, Iezzi, Mancini, Di Donato 3, Masciopinto 12. All. Francani.
Sardegna: Fadda 9, Re Marco, Bertolini 5, Pozzo 2, Acunzo 4, Gallizzi, Saddi, Obino 2, Scarpa 3, Barbagallo 11, Chirri 6, Marongiu.
Arbitri: Miglioranza, Danese

Primo quarto con poche emozioni (8-7), poi l’Abruzzo tenta un allungo sul 16-11; la reazione della Sardegna non si fa attendere, tanto che all’intervallo sono gli isolani ad essere in vantaggio (24-19). Nel primo minuto del terzo periodo il massimo vantaggio sardo (26-19), poi, arriva il sorpasso abruzzese (29-27) complice anche la poca precisione della Sardegna sotto canestro. Il vantaggio abruzzese rimane costante nell’ultimo quarto con gli isolani che rientrano sul -2 sul 40-38; poi, i canestri di Masciopinto e Del Sole chiudono ogni discorso.

Classifica
Lombardia 4
Piemonte 2
Abruzzo 2
Sardegna 0

GIRONE B
LAZIO – FRIULI VENEZIA GIULIA 60-54
(28-11; 43-24; 50-36)
Lazio: Incitti 4, Torresani 6, Rinaldi 2, Maggiore 8, Capuani 10, Alessandrini 6, Desideri 3, Palumbo 4, Cavallo 10, Favali 2, Santini 1, Di Francesco 4. All. Picardi.
Friuli V.G.: Bratos 9, Cossaro 10, Deangeli 5, Ballandini, Dellosto 11, Kos, Leonardi, Damjanovic, Milic, Rabusin 11, De Santi 7, Tarondo. All. Rovere.
Arbitri: Tadic, Nonna

Il Lazio fa suo il match col Friuli Venezia Giulia con qualche brivido finale. L’unico vantaggio del Friuli Venezia Giulia arriva sul 3-4 al 3’ (canestro di Dellosto), con il Lazio che di lì in poi mette a segno il primo vero parziale (10-0 per il 13-4 al 6’) e con un 11-1 di parziale si porta poi sul 28-11 a fine primo quarto. Va anche a +20 il Lazio, ma nel terzo quarto rientra prepotentemente il Friuli Venezia Giulia che riduce minuto dopo minuto la forbice. Rabusin e Cossaro mettono punti importanti e a 8’ dalla sirena la gara è ancora in bilico (50-42). Dellosto porta il Friuli sul -6 a 4’ dalla fine, ma i minuti finali sono tutti del Lazio, che riprende in mano le redini del gioco e chiude 60-54.

CAMPANIA-SICILIA 45-56
Arbitri: Piras, Carducci

Il tabellino di gara 1:
FRIULI V.G.-SICILIA 70-48
(18-15; 40-29; 49-38)
Friuli Venezia Giulia: Bratos 9, Kos 10, Leonardi, Damjanovic 11, Cossaro 16, Deangeli 6, Ballandini 4, Milic, Rabusin 6, De Santi, Tarondo, Dellosto 8. All. Rovere.
Sicilia: Ianelli 7, Antoci 2, Longo 11, Vanacore 2, Costa 6, Roccaro, Genovese, Guaiana 9, Carianni, Chessari 6, Zanatta 3, Tartamella 2. All. Di Gregorio.

Partita equilibrata nel primo quarto, poi a metà gara trova il primo allungo il Friuli Venezia Giulia (40-29). Le distanze tra le due squadre rimanfono invariate dopo 30 minuti (49-38) Solo nell’ultima frazione il Friuli Venezia Giulia trova un allungo importante, vincendo col punteggio di 70-48.

Classifica
Lazio 4
Friuli Venezia Giulia 2
Sicilia 2
Campania 0

ImmagineGIRONE C
EMILIA ROMAGNA – LIGURIA 80-53
(24-14; 40-28; 66-43)
Emilia Romagna: Giuliani 5, Barattini 17, Lorusso 8, Cosco 2, Muzzi 4, Ugolini 2, Folli 4, Nanni 19, Secchi 3, Tognacci 10, Pietri 6, Guglielmi. All. Soliani.
Liguria: Guida 9, Stefani 4, Zini 2, Biancardi 2, Miaschi 14, Valsetti, Moggio, Banchero 2, Petani 4, Renzone, Teutino 2, Bianco 14. All. Costa.
Arbitri: Sconfienza, Giunta

Una bella Emilia Romagna batte 80-53 la Liguria. A fare la differenza le rotazioni dei biancorossi. Parte subito forte la formazione di casa che è giù sul +10 dopo i primi 10′ (24-14). Nella seconda frazione i biancorossi tentano la fuga sul 32-14 (missile di Barattini), ma la Liguria si riporta sotto (34-26 al 17′), per poi chiudere il quarto a -12 (40-28). Come nella giornata inaugurale, i biancorossi mettono il turbo nella ripresa: prima +15 (48-33), poi +21 (56-35 al 25′) e, infine, +25 sul 66-41 al 29′. Ultimi dieci minuti senza storia, con l’Emilia Romagna che chiude +27 (80-53).

TRENTINO ALTO ADIGE-PUGLIA 66-73
Arbitri: Pezzani, Olivieri

Classifica
Emilia Romagna 4
Liguria 2
Puglia 2
Trentino Alto Adige 0

GIRONE D
UMBRIA – TOSCANA 56-88
(19-25; 35-56; 49-74)
Umbria: Faina 12, Bartoli 4, Ciofetta 8, Gomez Vince 6, Micciani 8, Guerra, Bonifazi 2, Madani 6, Carotti 2, Brunori 2, Picchiarati 2, De Paola 4. All. Pierotti.
Toscana: Cinque 10, Quagli 4, Cipriani 9, Lurini 6, Galeani 15, Costi, Sturli 4, Sene 11, Zampone 6, Sbrana, Zanini 4, Graziani 19. All. Patti.
Arbitri: Marino, Cavedon

Dopo il successo all’esordio, non riesce il bis all’Umbria che deve cedere il passo alla Toscana. Match in equilibrio fino al 10-8, poi i ragazzi di coach Patti prendono l’inerzia del gioco. L’Umbria rimane in scia fino al 26-28, poi un clamoroso break di 2 a 20 chiude, virtualmente, la gara con la Toscana che, nella ripresa, gestisce comodamente il vantaggio. 86-51 il massimo vantaggio per la formazione di Patti.

VENETO-MARCHE 54-49
Arbitri: Marenna, Fiocchi

Classifica
Toscana 4
Umbria 2
Veneto 2
Marche 0

GIRONE E
VALLE D’AOSTA – MOLISE 26-46
(6-6; 17-21, 23-32)
Valle d’Aosta: Fazari 2, Carlin, Artuso 4, De Gattis 1, Vinci 6, Restagno, Nieroz ne, Collalto, Yeuillaz 6, Vaudan 3, Guerrisi 2, Lai 2. All. Pronesti.
Molise: D’Agnillo 23, Fuschino 6, Eliseo, Quaranta 2, Russo 4, Cicchetti 8, Tedeschi, Mustillo ne, Gagliardi, Zurcino ne, Lombardi 3, Bravo. All. Sabatelli.
Arbitri: De Francesco, Castellaneta

Il Molise si aggiudica il match ma deve sudare per piegare la resistenza di una coriacea Valle D’Aosta. Difese sugli scudi e attacchi che fanno fatica, a trovare la via del canestro nel primo quarto. Dopo i primi 10′ il tabellone segna un insolito 6-6 (2/25 totale al tiro per le due squadre). Nel secondo periodo è D’Agnillo con cinque punti in fila a regalare un leggero vantaggio al Molise (10-11 al 14’), ma è realmente poco e un Vinci dominante a rimbalzo favorisce il sorpasso della Valle D’Aosta (15-13 al 17’). Di ritorno dagli spogliatoi, prima tornano protagoniste le difese (1-2 in sette minuti per il 18-23), poi il Molise guadagna un leggero margine grazie a D’Agnillo e una ritrovata precisione dalla lunetta (18-28 al 29’). È la fuga giusta, la Valle D’Aosta non torna più sotto e il Molise dilaga fino a raggiungere il massimo vantaggio di +20 sulla sirena (26-46).

BASILICATA – CALABRIA 47-45
(16-11; 24-23; 32-35)
Basilicata: Mazzarelli 2, Mazzola, Coretti 11, Musto 8, Caradonna 14, Monteleone 6, Iovane 4, Casaletto ne, Lattarulo ne, Centoducati 2, Santangelo ne, Costa ne. All. Longobardi.
Calabria: Crucitti 1, Scialabba 10, Egwoh 5, Laganà 23, Pilò, Manfredi, Zampogna 2, D’Apa ne, Fiorillo 4, Commisso, Trupia ne, Dolce. All. Barilla.
Arbitri: Renga, Frosolini

Gara di grande pathos decisa nei secondi finali quella tra Basilicata e Calabria (47-45). Nel primo quarto, pur con margini ridotti, comanda sempre la Basilicata, brava a trovare i tiri giusti e a concedere poco in difesa. Per la Calabria sugli scudi Laganà, autore di 13 dei primi 14 punti di squadra (17-14 al 14’ con una sua tripla). Gara di grande intensità difensiva, col margine e il punteggio dell’intervallo che ne sono la dimostrazione lampante (24-23). Nel terzo periodo una bomba di Scialabba vale il primo vantaggio calabrese sul 26-28, ma la fuga per la Calabria non arriva nemmeno sul 26-33. Si arriva a contatto nel finale e tutto si decide nell’ultimo minuto. Laganà accorcia (46-45 Basilicata a -50”), poi una serie di palle perse fino al possesso calabrese a -11” sul -1. Infrazione di 5 secondi sulla rimessa, palla alla Basilicata e 1/2 ai liberi di Caradonna (47-45). 4″ alla fine, Laganà deve tirare da centrocampo (finiti i time-out), ma non centra il bersaglio: vince la Basilicata.

Classifica
Basilicata 4
Calabria 2
Molise 2
Valle d’Aosta 0

Calendario della terza giornata (23 aprile 2014)
Girone A
Sardegna-Lombardia, ore 15.00 (Flaminio)
Piemonte-Abruzzo, ore 15.30 (Bellaria)

Girone B
Campania-Friuli Venezia Giulia, ore 21.00 (Flaminio)
Sicilia-Lazio, ore 15.00 (Santarcangelo)

Girone C
Trentino Alto Adige-Liguria, ore 19.00 (Flaminio)
Puglia-Emilia Romagna, ore 15.00 (CARIM)

Girone D
Marche-Umbria, ore 17.00 (Flaminio)
Toscana-Veneto, ore 15.00 (San Marino)

Girone E
Valle d’Aosta-Calabria, ore 21.00 (Santarcangelo)
Molise-Basilicata, ore 21.00 (CARIM Rimini)

Commenta su Facebook

commenti