Top Spin Messina a punteggio pieno. Monteiro e Mutti: “Vinta una gara difficile”

Il portoghese Joao Monteiro della Top Spin Messina

Neanche il tempo di riposare e la Top Spin Messina Fontalba tornerà in campo già venerdì contro il Sant’Espedito Napoli, sempre nella palestra di casa a Villa Dante. La vittoria per 4-1 contro Castel Goffredo ha proiettato la squadra allenata da Wang Hong Liang al comando della classifica di Serie A1 di tennistavolo, agganciando l’Apuania Carrara a quota 8 e a punteggio pieno.

Matteo Mutti (foto di Vincenzo Nicita Mauro)

João Monteiro, giocatore leader della Top Spin, è soddisfatto per il successo sui lombardi: “Una partita difficile contro una squadra forte. Mancava Thiago Monteiro, con lui secondo me possono arrivare ai playoff. Alla fine siamo riusciti a vincere e siamo felici. Abbiamo un’altra gara contro Napoli dove siamo abbastanza favoriti e speriamo di vincere per preparare poi la partita con Carrara che sarà sicuramente molto difficile. I nuovi? Matteo e Yaroslav sono due bravi giocatori e compagni di squadra, speriamo di fare cose belle per questa società, provando a vincere ogni partita che giochiamo”.

Il palcoscenico continentale, con la seconda fase di Europe Cup, attende la Top Spin nella prossima settimana: “Dopo Carrara avremo anche la Europe Cup dove affronteremo tre squadre difficili. In Champions abbiamo fatto un percorso molto buono, basti pensare che tutte le altre squadre che hanno vinto due gare hanno passato i loro gironi andando ai quarti, mentre noi siamo rimasti fuori a dimostrazione di quanto fosse duro il girone. Siamo sicuramente tra le migliori squadre d’Europa”.

Top Spin Messina Fontalba

Joao Monteiro (foto di Vincenzo Nicita Mauro)

Matteo Mutti, con due sigilli, battendo Yefimov e Baciocchi, ha dato un prezioso contributo alla squadra: “Con Castel Goffredo era una partita molto difficile, perché con due di loro ci alleniamo tutti i giorni e si sapeva che sarebbe stato così. Fortunatamente siamo riusciti a trovare due punti contro il loro straniero più facilmente di quello che prevedevamo. La sfida contro Baciocchi è stata dura, con Rech aveva fatto una gran partita e sapevo che sarebbe stata molto tirata. Nel terzo parziale c’è stato un punto fondamentale per portare avanti il set sul 12-11, ho dato tutto lì ed è stato importante. Com’è stato affrontarla da ex? Ho giocato nel Castel Goffredo, sono cresciuto lì quando ero piccolo. Emotivamente non era facile, ma è andata bene”.