Terme Vigliatore, D’Anna è carico: “Paternò grande squadra, ma possiamo farcela”

Terme VigliatoreIl Terme Vigliatore affronterà il Santa Croce Camerina durante il prossimo turno

Riprendere il cammino interrotto in occasione della sconfitta interna con il Camaro e nel diluvio di Giarre. Il Terme Vigliatore vuole continuare a stupire. I ragazzi di mister Cambria sono una delle più belle realtà di questo torneo di Eccellenza, ma sarebbe un grosso errore pensare che siamo davanti ad una favola avvenuta senza un motivo. La squadra messa su dal presidente Stefano Barresi è un ottimo mix di gioventù ed esperienza, forgiati dall’entusiasmo di un tecnico che sta dimostrando di meritare la categoria.

Terme Vigliatore

Un palcoscenico che Chicco D’Anna conosce alla perfezione, ma guardando al campionato non nasconde la voglia di ripartire dopo la sconfitta interna e l’eliminazione dalla Coppa Italia, entrambe per mano del Camaro: “Sicuramente quando si perde c’è subito voglia di ritornare in campo per rifarsi. Siamo consapevoli che stiamo facendo un buon cammino, la società non ci mette pressioni, però siamo atleti, siamo competitivi e perdere non fa mai piacere. Potevamo subito rifarci a Giarre ma è giusto che la partita non si sia giocata, il campo era impraticabile in molte zone e non sarebbe stato calcio”.

Si guarda già al prossimo impegno, in casa contro il Paternò: “Sono una grande squadra, hanno un organico creato per puntare alla vittoria finale, secondo me insieme al Palazzolo sono la squadra da battere. Noi dal canto nostro faremo la  nostra partita. Ogni volta abbiamo sempre cercato di raggiungere il risultato attraverso il gioco, questa è la tipologia di calcio che ci sta insegnando mister Cambria e stiamo cercando di applicarla. L’importante è giocarsela con rispetto ma senza paure, loro sono forti ma noi abbiamo le qualità”.

Tindaro Calabrese, il presidente Stefano Barresi e Chicco D’Anna

Per D’Anna il vero valore aggiunto di questo Terme Vigliatore è il gruppo: “La società ha creduto molto sui ragazzi dell’hinterland barcellonese, per lo più proveniamo da questo territorio. C’è un gruppo consolidato già dalla passata stagione e quando parlo di gruppo consolidato non è una frase fatta. Qui ho trovato una vera e propria famiglia, ci aiutiamo l’un l’altro e ci frequentiamo anche fuori dal campo. Si sta creando veramente qualcosa d’importante, poi ci sono elementi d’esperienza come Tindaro Calabrese e giovani che giocano con la maturità dei veterani, come Genovese o Grifò, Cambria? Non lo conoscevo personalmente, è un ottimo tecnico che sa trasmettere entusiasmo ma anche i propri concetti, ci stiamo divertendo veramente tanto”.

Sull’andamento del campionato D’Anna è convinto che assisteremo ad una stagione entusiasmante: “Partite facili non ce ne sono, penso ad esempio al Catania San Pio che ha un solo punto, ma noi abbiamo vinto lì solo all’ultimo minuto ed hanno giocatori di grande esperienza. Sarà una stagione avvincente in cui noi possiamo dire la nostra. L’obiettivo principale è e resta la salvezza che dev’essere conquistata il prima possibile, una volta messo in cassaforte questo obiettivo magari l’appetito ci verrà mangiando”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva