Sullo: “Paghiamo quindici minuti di black-out. Fondamentale tornare a casa”

FoggiaDi Grazia celebrato dai compagni

Il tecnico del Messina Sasà Sullo ha commentato il match perso a Foggia, dove comunque la squadra è tornata a creare tanto in fase offensiva, a differenza del precedente match di Monopoli: “Abbiamo avuto 25 minuti ottimi, con tre palle gol create e il rigore non concesso. Poi siamo usciti dalla partita per un quarto d’ora, regalando il 2-0. Sono arrabbiato, non siamo quelli che hanno accusato un black-out decisivo, che non si dovrà verificare più. Non dobbiamo dimenticarci chi siamo e a che punto stiamo ma lavorare tanto”. 

Curcio

Il raddoppio di Curcio dal dischetto

Non mancano comunque le note liete: “Il secondo tempo lo abbiamo giocato noi. Busatto e Gonçalves, che da due anni non giocava 90 minuti interi e si è sciolto con il passare dei minuti, si sono presentati da soli davanti al portiere. Catania ha fatto molto bene. Dobbiamo diventare squadra: siamo sulla buona strada ma ancora manca qualcosa. Da qui a due mesi avranno spazio tutti, non mi hanno sorpreso le prove dei giovani”. 

Il processo di crescita comunque continua e passa anche da qualche delusione: “Ci sono stati errori ma queste partite servono per trovare la quadra. Bisogna sapere ribaltare gli episodi: si vorrebbe sempre vincere ma è necessario sapere affrontare le situazioni negative. Avremmo potuto riaprirla con occasioni clamorose nella ripresa e con un po’ di sfortuna non ci siamo riusciti. Nei secondi 45′ li abbiamo messi in difficoltà: avevamo un’identità pur con dieci giocatori su undici nuovi”. 

Sullo

Le indicazioni di Sullo dalla panchina (foto Nino La Macchia)

Sullo è tornato a battere sulla questione dei campi di allenamento, considerato che la squadra ha lavorato a lungo sul sintetico dell’Annunziata, attenuata almeno dalla certezza di potere finalmente giocare al “Franco Scoglio”: “Lavorare sempre su un campo di erba rappresenterebbe un passo enorme, per svolgere lavori integrativi. Tornare a casa dopo cinque trasferte e altrettanti viaggi è molto importante. È fondamentale riabbracciare i tifosi. Non vediamo l’ora”. 

L’ex centrocampista vede progressi anche sul fronte atletico: “Non abbiamo avuto problemi fisici, che con i carichi di lavoro estivo sarebbero potuti emergere. La condizione migliora come la conoscenza tra i compagni. Quando si perde non ci sono sorrisi: è un gioco e si scende in campo per vincere. Abbiamo comunque elementi di valore e commetteremo sempre meno errori. Giochiamo domenica e poi avremo tre partite in una settimana a cavallo tra settembre e ottobre”. 

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma