Stracuzzi: “Proponiamo a Proto di affiancarci e l’opzione per il 51% tra un anno”

Natale StracuzziStracuzzi applaude soddisfatto

Il presidente Natale Stracuzzi, a margine della conferenza stampa di presentazione di Sasà Marra ed Enrico Buonocore, ha fatto il punto sulla trattativa intavolata con il gruppo che fa riferimento a Franco Proto, affiancato dall’ex dg Lello Manfredi. Già nel pomeriggio, a Catania, potrebbe tenersi un nuovo faccia a faccia tra le parti.

Franco Proto

L’imprenditore ennese Franco Proto

Il massimo dirigente ha offerto qualche dettaglio in più sulla controproposta formalizzata alla controparte a poche ore dalla manifestazione d’interesse presentata dai potenziali acquirenti: “Ci sono i presupposti per potere condividere lo stesso percorso. Abbiamo proposto una condivisione in vista della stagione alle porte con un’opzione che gli garantisca la maggioranza dall’anno prossimo. Chi ama il Messina deve mettere in gioco la propria persona, mettendosi però a disposizione. Ne parleremo già nelle prossime ore. Spero di raggiungere un accordo”.

La spettacolare "sciarpata" in Curva Sud

La spettacolare “sciarpata” in Curva Sud

Stracuzzi ha tenuto però a rimarcare che il Messina non è in crisi: “Non abbiamo bisogno di partner perché c’è un rischio fallimento, tutt’altro. Siamo tra le dodici società virtuose secondo la Lega Pro. Non abbiamo mai subito alcun punto di penalizzazione. Siamo andati avanti dignitosamente, lotteremo per migliorare l’ottavo posto della passata stagione. Il bisogno è soltanto quello di rendere partecipi altri soci per rafforzare e consolidare la società. Con più risorse ci si potrà impegnare maggiormente sul mercato, alla ricerca del salto di qualità”.

Anche il socio Nino Micali ha commentato la questione societaria: “Ho avuto contezza dell’offerta dal vice-presidente Piero Oliveri. Se si punta al bene del Messina sarò il primo ad accoglierla. Rappresento comunque soltanto una quota minoritaria, non sarò certo io determinante ai fini dell’accordo conclusivo”.

Commenta su Facebook

commenti