Sodini scuote la sua Benfapp: “Con Legnano mi aspetto un approccio diverso”

Sodini e Sindoni
Si è svolta presso la sala Stampa “Daniele Di Noto” del PalaSikeliArchivi, la conferenza stampa di coach Marco Sodini in vista dell’impegno casalingo contro l’Axpo Legnano, valevole per la 20 a giornata del campionato di LNP Serie A2 Old Wild West. Palla a due prevista per domenica 3 febbraio alle ore 17.00 al PalaSikeliArchivi di Capo d’Orlando.
«Comincio subito con il quadro della settimana. Edward Hopper era il massimo pittore realista del XX secolo negli Stati Uniti e questo dipinto si chiama “New York Movie”. E’ un quadro che ci da diverse prospettive. Ci sono gli spettatori che stanno guardando un film e poi c’è la maschera, che è al lavoro e sta meditando. Quindi solitudine, all’interno di un posto in cui molta gente si diverte.
Benfapp

Staff tecnico Benfapp CdO

Mi serve per chiarire che la partita di Biella ognuno ha pensato troppo a se stesso e poco a quello che poteva dare agli altri. Abbiamo un gruppo coeso e compatto, ma a Biella siamo stati scollati. Quando la parola Io sovrasta il Noi c’è qualcosa che non va. Io sono arrabbiato, ma lo sono anche i ragazzi per la prestazione offerta.
Giochiamo contro Legnano, e prima di parlare del loro quintetto, voglio porre l’accento su due giocatori fuori categoria come Anthony Raffa e Charles Thomas, che l’anno scorso ho allenato a Cantù e di cui non posso che spendere buone parole. 
Intorno a loro stanno crescendo giovani come Pozzetto, pivot rimbalzista, la buona conoscenza orlandina Bortolani e nelle ultime partite parte in quintetto Bianchi. Dalla panchina ci sono l’esperto tiratore Ferri, Serpilli, già visto a Pesaro lo scorso anno e Corti. All’andata giocò anche il giovanissimo Berra, che fece un’ottima prestazione.

Benfapp

Triche in azione

Dobbiamo recuperare le energie e approcciare a questa partita come fa una grande squadra. Legnano ama correre ma noi amiamo farlo di più e vogliamo imporre il nostro ritmo. Dobbiamo giocare di squadra difensivamente. Io non sono contento quando i miei giocatori hanno un approccio passivo alle partite. I miei giocatori lo sanno e risponderanno per quello che mi hanno abituato ad essere. Dei ragazzi che ci tengono, che hanno una grande determinazione e un gruppo che non è mai stato sconfortato da una sconfitta. Anche nei momenti più difficili, come la serie delle 4 partite perse, hanno mantenuto uno standard di allenamento di qualità e di approccio alle partite molto alto. Per questo confido in un pronto riscatto.

In un momento di scarsa lucidità a Biella abbiamo provato a fare gli eroi. I due parziali che abbiamo subito a Biella sono stati dovuti a scelte totalmente scellerate, ma anche ad una morbidezza difensiva che non può esistere. Dobbiamo cercare di essere lucidi, cosa che non abbiamo fatto a Biella e riprendere il nostro percorso.»

Commenta su Facebook

commenti