La Sigma Barcellona chiama a raccolta il suo pubblico contro Trieste

Nonostante la sconfitta di Verona, il Basket Barcellona è pronto per rialzarsi davanti al proprio pubblico. Consapevoli che ogni sconfitta può essere soltanto costruttiva per un gruppo giovane come quello giallorosso. Con la certezza che solo il tempo coadiuvato al lavoro possa eliminare delle piccole imperfezioni prende la parola il Coach Giovanni Perdichizzi: “Sicuramente per noi che siamo in ritardo rispetto alle altre, giocare a distanze ravvicinate è la cosa peggiore. Sono convinto però, che ci servirà per concludere il nostro “pre campionato” (scherzi a parte), in questo periodo siamo vittima dei turni infrasettimanali poiché alcuni giocatori come Kelley ancora devono entrare a pieno regime. Rientrare in partita dopo un avvio travolgente di Verona, è stato chiaramente un segnale positivo, poi siamo ricaduti negli stessi errori del primo quarto. Vanno limati i piccoli errori che soltanto con il tempo possono essere risolti, mi auguro che già dalla prossima contro Trieste, si veda il passo in avanti in termini di dettagli.”
“Lo Sceriffo” prosegue parlando della gara di mercoledì contro Trieste: “Loro sono un avversario duro, composto da un roster giovane ma che da tre anni gioca in pianta stabile.  È una squadra dinamica e aggressiva di conseguenza dovremmo far valere la nostra esperienza e le nostre caratteristiche.  Penso che per noi il pubblico sia fondamentale, mercoledì andremo in campo per dare il 100%, come in ogni occasione. Siamo consci che ogni match sarà fondamentale. I giovani che vengono dalla panchina portano sempre energia e  aiutano la squadra ad  entrare in partita.

Alfrie Kelley in sottomano

Alfrie Kelley in sottomano

Dobbiamo migliorare il modo di stare in campo ma per questo ci vuole tempo e lavoro. Archiviata questa settimana, Il calendario ci consentirà di concentrarci maggiormente sul lavoro.  In A2 ogni domenica ci sono sorprese, questa settimana è saltato il fattore campo per diverse squadre”.
Successivamente prende la parola Gabriele Spizzichini, parlando del ruolo dei giovani in questo gruppo: “Penso che per noi, giovani, che entriamo dalla panchina la motivazione è sempre forte  partita dopo partita. Contro Verona siamo riusciti a giocare molto in contropiede, credo che il nostro apporto lo abbiamo comunque dato ma dovremo fare sempre di più”.

Commenta su Facebook

commenti