Si è spento a 42 anni Saverio Plasmati. Lo sconcerto del Messina Rugby

Saverio PlasmatiSaverio Plasmati in azione da giocatore

Il rugby cittadino è a lutto per la prematura scomparsa di Saverio Plasmati, autentica anima del Messina Rugby, di cui è stato socio, dirigente e tecnico. Il 42enne messinese era ricoverato da circa un mese, in cui era arrivato qualche segnale confortante tramite social, e ora la sua morte improvvisa sconcerta i tanti amici, che gli stanno tributando commossi ricordi sui social. A ricordare il ragazzo ovviamente il Messina Rugby, con un post toccante che riportiamo di seguito.

Saverio Plasmati

Saverio Plasmati nelle vesti di allenatore in C2 nel 2016

“Non ci sono parole. Ancora una volta Saverio ci hai lasciati senza parole. Perché non ci sono parole per descriverti caro Saverio Plasmati! Non ci sono parole Saverio per descrivere il senso di vuoto, di smarrimento, di mancanza, di inadeguatezza di fronte a un destino patrigno e tiranno. Non ci sono parole per descriverti Saverio, immenso nel cuore e nella tua propositiva umiltà. Non ci sono parole per descrivere ciò che facevi per la nostra squadra: C’è un tubo rotto? Saverio! Manca l’allenatore? Saverio! Il dirigente sta male? Saverio! È finito il tensoplast? Saverio! Chi riprende oggi la partita? Saverio! Chi apre l’impianto che il comune deve fare un’ispezione? Saverio! Socio, dirigente, allenatore, ma soprattutto amico.

Non ci sono parole, Saverio, per descrivere la tua amicizia silenziosa nelle difficoltà e fragorosa nella gioia, rispettosa nel dolore e spumeggiante nella felicità. Non ci sono parole, Saverio, per descrivere cosa rappresentavi per i tuoi ragazzi: Saverio il fratellone più grande, Saverio il compagno di squadra capitano non giocatore, Saverio l’allenatore, Saverio l’uomo a cui chiedere ciò che è difficile chiedere a chiunque, Saverio l’ultima istanza prima dello sconforto, Non ci sono parole, Saverio, per descrivere la meticolosità con la quale preparavi un allenamento, Non ci sono parole, Saverio, per descrivere la tua compagnia in trasferta, il tuo smorzare la tensione, il tuo richiamare l’attenzione, il tuo parlare ai giocatori prima di una partita,

Saverio Plasmati

Saverio Plasmati in uno scatto dall’ospedale lo scorso 26 ottobre

Non ci sono parole, Saverio, per descrivere la tua umiltà, tu che avevi anche vestito la maglia della nazionale under 16 in un torneo internazionale ad Avignone, la tua voglia di crescere e di imparare, tu insieme alla nostra società che hai fondato e visto germogliare e ramificare, Non ci sono parole Saverio, per descrivere la tua bonomia scontata con gli amici e mai scortese neanche con chi colleziona passaggi a vuoto, No Saverio! Non ci sono parole. Ci hai lasciati così come hai vissuto: Poche parole e tanti fatti. Ma, ora, in ogni filo d’erba dello stadio Sciavicco sibilerà il silenzio assordante della tua assenza”. Anche la Redazione di MessinaSportiva, in tutte le sue componenti, si unisce al cordoglio e porge le proprie condoglianze ai familiari.

Autori

+ posts