Savoia-Messina, due vittorie dei giallorossi. Nel 2013 un 2-3 dal sapore di promozione

I tifosi del Savoia

Quattordici le sfide disputate a Torre Annunziata tra Savoia e Messina. Il bilancio complessivo è di quattro successi degli oplontini, otto pareggi e due affermazioni degli ospiti. Il primo confronto, risalente al 1926-27, si concluse con la vittoria dei padroni di casa per 3-2 contro l’US Messinese. Quindi blitz dei peloritani grazie al 2-1 del 1930-31, nell’allora Prima Divisione, con doppietta di Ferretti. Nel 1931-32 il match terminò invece a reti bianche. A seguire due 1-1 di fila, tra il 1948-49 ed il 1949-50, rimediati contro il club a quei tempi denominato Torrese. Nel 1970-71 e 1971-72, in serie C, si allungò la serie di pareggi (0-0 in entrambe le occasioni), interrotta nel 1978-79 dall’1-0 del Savoia, in C2, a segno al 13′ con Cafaro su rigore. Ben più netta l’affermazione dei campani nel 1979-80: 3-0 con gol al 24′ e al 40′ di Bacchiocchi e al 74′ di Vianello. Nel 1980-81 ed esultare sono ancora i locali, vittoriosi per 1-0 in virtù del gol di Cimicata all’88’. Sempre in C2, nel 1981-82, i giallorossi riuscirono a spezzare la striscia di sconfitte strappando un 1-1 (marcature di Schettini al 13′ su rigore e Jannucci al 26′).

Sasà Marra, ex centrocampista del Messina

Sasà Marra, ex centrocampista del Messina

Altro capitolo il 23 dicembre 2000. Nella sedicesima giornata di Serie C1, il Messina, già da qualche turno sotto la guida tecnica di Carlo Florimbi, che aveva rilevato in panchina l’esonerato Beruatto, si presentò al match da capolista, seppur in condominio con il Palermo. La compagine allenata da Morgia andò per prima in vantaggio grazie ad una rete messa a segno da Finetti. Di Salvatore Marra, entrato al posto di Di Fausto, il gol del definitivo 1-1, siglato dal centrocampista ad un minuto dalla conclusione. Al termine di quella stagione il Messina si guadagnò ai playoff il salto di categoria, mentre il Savoia, complice la sconfitta per 2-0 subìta al “Celeste” nel ritorno, rimase fuori di un soffio dalla griglia degli spareggi per la promozione tra i cadetti.

L'ex tecnico Gaetano Catalano

L’ex tecnico Gaetano Catalano

Nuovo atto il 29 marzo 2009, quando il Messina affrontò il Savoia nel suo primo torneo di D dopo il fallimento del Football Club e la ripartenza tra i Dilettanti. Per la squadra di Di Maria un pari a reti bianche utile a centrare l’obiettivo della permanenza, raggiunta tra mille vicissitudini societarie. Il 14 aprile 2013 l’ultimo precedente. Il Messina di Catalano è lanciato verso la promozione in Seconda Divisione nel testa a testa con il Cosenza. La vittoria per 2-3 al “Giraud” rappresentò il passo decisivo per tenere a bada i silani ed arrivare allo scontro diretto nelle migliori condizioni. Di Chiaria il gol del vantaggio al 5’ sugli sviluppi di un corner. Raddoppio di Corona al 20’ in contropiede. Al 25’, ancora di testa e su cross dalla bandierina, lo 0-3 di Chiaria. Inutili per i padroni di casa i centri di Malafronte e Vicentin.

Uno scatto di Chiaria

Uno scatto di Chiaria

L’ultimo precedente, SAVOIA – MESSINA 2-3 del 14 aprile 2013
Reti: 5′ pt Chiaria (M), 20′ pt Corona (M), 25′ pt Chiaria (M), 27′ pt Malafronte (S), 34′ st Vicentin
Savoia: Vitiello, Pallonetto, Guarro, Nasto (18′ st Izzo), Catalano, Scudieri, Savarese (19′ st Manfrellotti), Di Capua, Malafronte (10′ st Vicentin), Padulano, Viscido. A disposizione: Loccisano, Falanga, Amoruso, Lettieri. All. Amura.
Messina: Lagomarsini, Caiazzo, Caldore (24′ st Di Stefano), Bucolo, Cucinotta, Ignoffo, Guerriera (17′ st Comegna), Maiorano, Corona (22′ st Cocuzza), Chiaria, Ferreira. A disposizione: Cuda, Cicatiello, Leo, Savanarola. All. Catalano.
Arbitro: Capraro di Cassino. Assistenti: Bandettini di Pistoia e Gnarra di Siena.
Ammoniti: Guarro (S), Pallonetto (S), Scudieri (S), Corona (M).
Espulso: 26′ st Pallonetto per somma di ammonizioni.

Commenta su Facebook

commenti