RoccAcquedolcese, Mezzanotte: “Cresciuta l’autostima. Daremo filo da torcere”

RoccAcquedolceseFoto di gruppo per la RoccAcquedolcese (foto Calogero Germanà)

La RoccAcquedolcese apre il suo campionato sul campo della Virtus Ispica. Il direttore generale Sergio Mezzanotte ha analizzato intanto l’esordio sul campo della Nebros nell’andata del primo turno di Coppa Italia: “Eravamo all’esordio dopo una stagione trionfale che ci aveva visto primeggiare nel campionato di Promozione, ma avevamo cambiato tanto e nonostante le indicazioni scaturite dalle amichevoli del precampionato non eravamo ancora in grado di dare un giudizio sul valore reale della squadra. La vittoria servirà sicuramente ad accrescere l’autostima del gruppo, considerato che è arrivata contro una squadra più forte, almeno sulla carta, della nostra”. 

RoccAcquedolcese

Lo staff del RoccAcquedolcese festeggia il salto in Eccellenza (foto Calogero Germanà)

Sul mercato la dirigenza ha puntato con decisione su giovani di talento: “Abbiamo provato a trattare più di un giocatore che era in campo contro di noi, ma non eravamo competitivi sia a livello di blasone che economico. Così ci siamo dovuti “accontentare” dei nostri giovani, concludendo la partita con un 2005, tre 2003, un 2002 e un 2000 e siamo sicuri di aver fatto la scelta giusta. Naturalmente, alla lunga, i veri valori verranno fuori e noi ci accontenteremo di un campionato tranquillo, la Nebros lotterà per altro”.

Tra gli obiettivi c’è proprio la valorizzazione di atleti provenienti da categorie minori: “Intanto un risultato immediato l’abbiamo ottenuto. Qualcuno che non ci conosceva ora sa della nostra esistenza e ha capito che sarà dura ogni volta che ci incontrerà. Non mi piace parlare dei singoli, ma voglio fare un’eccezione per Yasin Mazouf e Armando Agolli, all’esordio nel campionato di Eccellenza. Hanno disputato una partita perfetta, sembravano due veterani. Questa è la dimostrazione che non per forza si devono spendere tanti soldi per giocatori di “categoria”, ma che ci sono buoni elementi anche nelle categorie inferiori: basta dare loro la possibilità di giocare. La squadra della stagione 2022/2023 sarà questa con l’aggiunta di due ultimi nuovi acquisti, oltre a chi era assente all’esordio”.

Autori

+ posts