L’avventura tra i ring di Giuseppe Guidara. Ed il successo, dedicato a papà

Ne ha cavata, di determinazione, dai quei 60 kg che da qualche anno trascina da un ring all’altro, senza perdere l’entusiasmo. Non si è infatti preoccupato di rimbalzare freneticamente fra discipline che aveva appena approcciato, né di incontrare avversari che, la boxe, la praticano da quando lui faceva tutt’altro.
Eppure, Giuseppe Guidara, ha sempre tenuto vivo il sogno di alzare i guantoni al cielo.

Giuseppe Guidara combatte per il Team Flash Natoli Amaranto Boxe

Ed a Cosenza, in un incontro del campionato regionale, il pugile di San Piero Patti ha trovato la sua occasione, trionfando in uno dei 9 match andati in scena presso la palestra Hotel Edonism.
Atleta del Team Flash Natoli Amaranto Boxe, il 25enne ha infatti ottenuto il suo trionfo domenica 11 novembre, per tre round a zero, mandando al tappeto un avversario di categoria salito sul ring per la squadra Eagle Boxe.

Ma il protagonista dell’evento FPI ha incontrato lo sport che ama soltanto quattro anni fa. Laureando in Scienze Motorie, ha girovagato tra sport di squadra e palestre così come tra le discipline del combattimento, non appena scoppiato l’amore coi guantoni.

Quindi tanti allenamenti fra Thai Boxe, MMA, pugilato, e tanti ostacoli da abbattere sulla strada verso il successo. L’ultimo è stato la prematura scomparsa del padre, Pippo, all’inizio dell’estate, in un periodo affollato di studio e programmi di allenamento.

A lui è andato il primo pensiero di Giuseppe Guidara appena raggiunta la vittoria, con uno sguardo alzato al cielo che non portava soltanto la tenacia messa a dura prova in tutte le sue avventure sul ring. E che adesso punta ai prossimi match disponibili, con un motivo in più per farlo.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti