Il regolamento di Playoff e Playout. La programmazione della fase post-campionato

Totò Cocuzza (foto Alessandro Denaro)

Stilato il regolamento per la stagione 2017/2018 riguardante i Play off della Serie D. Il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti, forte del consenso unanime espresso dalle società in occasione della riunione tenutasi il 17 novembre scorso riguardo la programmazione della fase post-campionato, per la terza stagione consecutiva conferma il regolamento play off organizzato in due turni.

Rosafio

Rosafio ha siglato una bella doppietta (foto Nino La Macchia)

PLAY OFF – Partecipano alla prima fase (semifinali di girone) le società classificatesi al 2°, 3°, 4° e 5° posto in ognuno dei 9 gironi del campionato di serie D. In caso di parità al termine del campionato tra squadre occupanti le posizioni indicate, si terrà conto degli scontri diretti ed in caso di ulteriore parità, nell’ordine: della differenza reti nel confronto tra loro, della differenza reti generale, del numero di reti segnate in campionato, del miglior piazzamento in Coppa Disciplina ed in ultima istanza, il sorteggio. Le quattro squadre interessate si affronte-ranno in una gara unica e la squadra di casa, sarà quella con il miglior piazzamento quindi 2^ contro 5^ e 3^ contro 4^. La posizione migliore avrà valore, per il passaggio del turno, anche in caso di pareggio al termine del match e di equilibrio anche dopo i tempi supplementari.

Igea Virtus

La gioia dei giocatori dell’Igea Virtus (foto Puccio Rotella)

Seconda fase (finali girone) – Le vincenti si incontreranno a loro volta, sempre in gara unica, con la squadra di casa individuata dal miglior piazzamento ottenuto in campionato. Anche in questo turno, in caso di parità al termine dei tempi regolamentari, si procederà con i tempi supplementari. Se il pareggio persiste passerà al turno successivo sempre la squadra con il miglior piazzamento ottenuto al termine della stagione.

Graduatoria finale – Le nove squadre vincitrici della prima fase, saranno inserite in una graduatoria finale e definitiva, secondo i seguenti criteri: quoziente in punti al termine del campionato (calcoli sviluppati a seconda dei gironi a 20, 19 e 18 squadre); in caso di parità numerica acquisirà la posizione migliore il sodalizio meglio classificato al termine del campionato; persistendo la parità numerica acquisirà la posizione migliore la squadra meglio classificata nella Coppa Disciplina.

Spicuzza e Nigro

Vane le proteste di Spicuzza e Nigro: penalty per l’ACR

PLAY OUT – Confermati gli scontri diretti per sancire salvezze e retrocessioni. Le squadre classificate al 19^ e 20^ posto nei gironi A e D, al 18^ e 19^ del B, al 17^ e 18^ negli altri gironi retrocedono direttamente in Eccellenza. Nel caso due o più squadre occupino al termine del campionato il penultimo posto, e tre sodalizi l’ultima posizione, saranno gli spareggi (in campo neutro) o la classifica avulsa a determinare le squadre retrocesse o partecipanti ai Play Out. Le squadre classificate al 16^ e 15^ posto dei gironi C, E, F, G e I, sono retrocesse direttamente se il distacco rispettivamente dalla 13^ e 14^ è pari o superiore a otto punti. Stesso discorso nell’A e D se il distacco della 18^ – 17^ rispettivamente dalla 15^ e 16^ è pari o superiore a otto punti. Nel B stessa sorte se il distacco tra la 17^ e 14^ è di otto o più punti.

Acireale

Esplode la festa dell’Acireale

Per i singoli Play Out confermati gli scontri diretti in gare di sola andata in casa della squadra meglio piazzata secondo il seguente schema: Gironi A e D, 15^ vs 18^, 16^ vs 17^. Gironi C, E, F, G, H e I: 13^ vs 16^, 14^ vs 15^. Girone B: 14^ vs 17^, 15^ vs 16^. Chi perde retrocede in Eccellenza, chi vince si salva. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari verranno disputati i supplementari, persistendo la parità retrocederanno le squadre peggior classificate al termine della stagione regolare.

Commenta su Facebook

commenti