Raffaele: “Hanno pesato gli infortuni. Il Messina risalirà, ha un budget tre volte superiore”

Igea VirtusL'Igea Virtus a Messina (foto Chillemi)

La sconfitta contro il Messina per il tecnico igeano Peppe Raffaele è dipesa anche dai tanti infortuni: “Sono mancati Merkaj che si è infortunato, Aveni che si è fatto male ieri, Fioretti che nel primo tempo ha rimediato una distorsione alla caviglia e Biondo, affaticato. Non avendo juniores in avanti da schierare, è entrato Santamaria, un esterno basso. Abbiamo dunque avuto delle situazioni che hanno condizionato la nostra partita. Era la terza gara che abbiamo affrontato sempre con gli stessi undici o quasi in una settimana e oggi si è notato”.

Messina

Igea Virtus in campo (foto Chillemi)

“Ho visto un Messina in salute, che dispone di un organico importante. Noi speriamo di ricominciare già da domenica prossima a portare a casa punti importante per salvaguardare la categoria, il nostro primo obiettivo. L’Igea negli ultimi due anni ha battuto tutti i record del mondo, non ci è mancata oggi la spregiudicatezza. Prendiamo giocatori sconosciuti che diventano poi capocannonieri” ha proseguito Raffaele.

L’allenatore chiude infine sottolineando la prestazione al di sotto degli standard abituali dell’Igea lontano dalle mura amiche: “Oggi non è stata giocata come molte altre gare fuori nelle quali abbiamo creato tantissimo. Non è nelle nostre corde, abbiamo fatto fatica a costruire, ma questa è anche la risposta a chi diceva che il Messina aveva un organico scadente. Bisognava essere folli per pensarlo. Me l’aspettavo invece così, il Messina ha un budget di tre volte superiore all’Igea ed è costruito per vincere il campionato. Ora ha una sua identità e se non avrà altri problemi può risalire in classifica”.

Commenta su Facebook

commenti