Il Pistunina al “Franco Scoglio”. Mortelliti: “Decisione presa insieme all’ACR”

Mortelliti, ds Pistunina
Pistunina-Rocca di Caprileone

Una fase della sfida tra Pistunina e Rocca di Caprileone al “Celeste”

Il Pistunina è pronto a traslocare al “Franco Scoglio” che, per cause di forza maggiore, ospiterà le partite interne della compagine messinese militante in Eccellenza. Gli interventi di manutenzione allo stadio “Giovanni Celeste”, casa dei rossoneri in questa prima parte della stagione tranne che per la gara con lo Scordia, e il sovraffollamento al terreno di Mili, hanno reso la struttura di San Filippo l’unica disponibile.

I buoni rapporti con l’Acr Messina hanno fatto il resto, ma per il direttore sportivo Raimondo Mortelliti questo non rappresenta certo una tragedia: “Al momento non c’erano altri campi disponibili – ha dichiarato Mortelliti – gli interventi che si stanno facendo al “Celeste” richiederanno ancora del tempo. Insieme all’Acr Messina abbiamo preso di comune accordo questa decisione. Loro poi utilizzeranno il “Celeste” per il settore giovanile e la prima squadra, intanto noi giocheremo al “Franco Scoglio”. Per noi non cambia molto, l’importante è giocare in un campo che sia adeguato alla categoria in cui siamo. A Mili in questo momento giocano tre squadre, perché se il sabato il campo è impegnato per la presenza del Città di Messina, la domenica ci gioca il Messina Sud, senza dimenticare che stiamo parlando di una struttura privata che ha accordi già presi all’inizio della stagione”.

Pistunina Real AvolaTornando al campo, Mortelliti non nasconde il disappunto per qualche prestazione deludente: “Mi aspettavo qualcosa in più – ha commentato il d.s. – in alcune partite è mancato il giusto impatto con il match e le sconfitte con Avola e Scordia ne sono la prova. Con un giusto atteggiamento credo che avremmo subito dei passivi meno pesanti. In altre partite, vedi Taormina o Belpasso, i ragazzi sono scesi in campo con la giusta cattiveria e sono riusciti a fare delle ottime prestazioni. Con lo Scordia per mezz’ora ce la siamo anche giocata alla pari, poi dopo il loro secondo gol ci siamo sfaldati e abbiamo subito l’imbarcata, mentre a Rosolini abbiamo giocato bene e siamo stati molto sfortunati. Abbiamo perso una partita che avremmo anche potuto vincere, fallendo un rigore e sbagliando una clamorosa palla gol all’88’, poi nel recupero abbiamo incassato due gol”.

Una formazione del Pistunina

Una formazione del Pistunina

E ora testa al Torregrotta, partita che nasconde una mare d’insidie: “E’ vero che siamo ancora a metà del girone d’andata, ma credo che per loro questa partita rappresenti un crocevia importante e qualora dovessero perdere la loro situazione si farebbe drammatica. Noi abbiamo molto da perdere, è una sfida che solo all’apparenza può sembrare facile, invece è una gara che non possiamo sbagliare. La loro classifica è bugiarda, hanno perso molte partite con il minimo scarto ed hanno molti giovani di valore che conosco bene, quindi dovremo prestare la massima attenzione”.

Commenta su Facebook

commenti