Per la Fontalba l’ACR è un buco nell’acqua: “Gestione fallimentare. Si cambi rotta”

Alessandro FarandaAlessandro Faranda, amministratore di Fontalba

“I risultati negativi di questi mesi, che hanno visto la squadra del Messina protagonista di numerose disfatte in campo, fanno emergere ormai con estrema chiarezza una gestione fallimentare della società”. Così Alessandro Faranda, amministratore dello sponsor Fontalba, esprime la sua delusione in una nota stampa indirizzata alle redazioni: “La nostra azienda manifesta disappunto e prende le distanze dalle scelte finora compiute e una visione miope”.

Il main sponsor teme di avere fatto… un buco nell’acqua e Faranda non le manda certo a dire: “Il club ha mancato gli obiettivi prefissati, in primis quello di rilanciare i giallorossi nel mondo del pallone. Una scommessa che perdiamo domenica dopo domenica a fronte di un notevole investimento. Abbiamo creduto e crediamo ancora in questo progetto sportivo – continua l’imprenditore messinese – con grande entusiasmo, passione per il calcio, ma soprattutto con amore nei confronti di Messina e dei suoi numerosi tifosi, che escono dagli stadi sempre più amareggiati, persino increduli per sconfitte clamorose che ripetono un inesorabile e inaccettabile 3-0″. Un riferimento al rotondo passivo accusato già in quattro gare, contro Bari, Igea Virtus, Acireale e Palmese.

ACR Messina

Le divise dell’ACR Messina griffate con il marchio Fontalba

“Stiamo arrivando al punto di non ritorno: urge un cambio di rotta per non affondare definitivamente. Auspico che nei prossimi giorni l’ACR Messina, in vista degli appuntamenti del 28 novembre e del mercato di riparazione, possa compiere scelte mirate e adeguate per un futuro migliore senza gettare la spugna o, ancora peggio, scaricare responsabilità su altri, persino riparandosi… dietro la sfortuna”. 

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti