Padalino: “Partita sempre sotto controllo, complimenti a tutti”

Pasquale Padalino
Pasquale Padalino, allenatore del Foggia

Pasquale Padalino, allenatore del Foggia

Un successo sul velluto, impossibile da pronosticare in questi termini alla vigilia. Il tecnico del Foggia, Pasquale Padalino, si gode la seconda vittoria consecutiva della sua squadra. Dopo il 3-0 casalingo con il Martina lo 0-3 del “San Filippo”. “Il Messina sta sicuramente attraversando un periodo negativo come è accaduto in precedenza a noi, ma sono certo che si riprenderà con il passare delle giornate. Comunque sono problematiche che non mi competono, alle quali è giusto pensi Catalano, anche perché non voglio sminuire quanto fatto dalla mia squadra”.

Cavallaro non ha scritto il proprio nome sul tabellino dei marcatori ma è a ragion veduta da considerare il migliore in campo. “Sappiamo quello che può fare Cavallaro, ma va elogiata la squadra nel suo complesso, perché occorre dar merito anche a chi viene solitamente pubblicizzato meno. Normale che sull’1-0 e sul 2-0 ci fosse una reazione da parte del Messina, ma abbiamo tenuto sempre sotto controllo il risultato”.

Il portiere Narciso in uscita

Il portiere Narciso in uscita

Un Foggia apparso in gran spolvero dopo un avvio stentato di campionato. I pugliesi hanno letteralmente cambiato marcia nelle ultime settimane e Padalino spiega: “In estate non sapevamo se dovessimo partecipare alla Lega Pro o alla Serie D, per questo c’è stato un periodo di assestamento, con una preparazione ripresa praticamente da zero dopo la notizia del ripescaggio ed alcuni infortuni cui abbiamo dovuto far fronte. Insomma tanti inconvenienti. La società ha investito dei soldi per ottenere il salto di categoria a scapito di qualche innesto. Abbiamo costruito la rosa in base alle nostre esigenze, così come il Messina che non guarda  all’età media. L’importante è che ci siano i presupposti per conservare la categoria, vogliamo giocare l’anno prossimo nella Lega Pro unica, un obiettivo comune, però, a tutte le altre contendenti”.

 

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti