Ossidiana Marbi Messina sul podio al “IV Memorial Dario Aprile”

Lusinghiero terzo posto per i giovani dell’Ossidiana Marbi Messina al “IV Memorial Dario Aprile” di pallanuoto maschile, che si è svolto, nei giorni scorsi, nella barocca Noto.

Nicola Germanà (tecnico Marbi Messina)

Nicola Germanà (Marbi Messina)

Alla manifestazione, organizzata dalla Sikelia Waterpolo con la collaborazione della Libertas Rari Nantes Siracusa e del Comune di Noto, hanno partecipato ben 16 squadre Under 15: Ortigia Siracusa, Nuoto Catania, Rari Nantes Palermo, Latina Pallanuoto Country, Aquarius Trapani, Torre del Grifo, Latina Pallanuoto City, Ossidiana Marbi Messina, Altair Village, Cus Palermo, Rari Nantes Crotone, Sikelia Waterpolo, 7 Scogli Siracusa, Cosenza Nuoto, Guiness Catania e Waterpolo Palermo. La compagine peloritana si è imposta brillantemente nel girone d’apertura, precedendo Aquarius Trapani, Latina Pallanuoto Country e Nuoto Catania. Ha avuto poi ragione del Cosenza Nuoto (5-2) e della Rari Nantes Crotone con il punteggio di 4-3. In semifinale, i pallanotisti allenati da Nicola Germanà sono stati battuti dai coetanei della Latina Pallanuoto City per 8-4, ma si sono prontamente riscattati superando per la seconda volta il Cosenza Nuoto (4-3).

“Questo torneo è servito principalmente ad amalgamare di più il gruppo in vista dell’inizio campionato “Elite” – ha dichiarato Germanà al termine del “Memorial”, vinto dalla Waterpolo Palermoi risultati sono parzialmente attendibili visto che le partite duravano soltanto due tempi. La forma atletica è apparsa, comunque, buona. Al di là dell’aspetto prettamente sportivo, i ragazzi hanno vissuto una piacevole esperienza, che tornerà utile per il loro futuro”. Sono state invertite, infine, le date d’avvio della stagione agonistica. Debutteranno, così, il 10 gennaio, diversamente da quanto precedentemente comunicato dalla FIN Sicilia, le compagini Under 13 e 17 dell’Ossidiana Marbi, mentre la domenica successiva sarà la volta dell’Under 15.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti