Nuova battuta d’arresto per il Ganzirri

Adriana Caristi (ASP Ganzirri)
Adriana Caristi (ASP Ganzirri)

Adriana Caristi (ASP Ganzirri)

Dopo l’entusiasmante vittoria ottenuta alla prima giornata l’ASP Ganzirri sembra essersi smarrita. Non solo segnali negativi, però, dalla gara persa per 3-1 contro lo Zafferana, compagine che sembrava comunque alla portata delle peloritane, rimaste quota 3 in classifica nel campionato di Serie C regionale.

Già nei primi minuti in vetrina la quattordicenne Rachele Fedele che, in più di un’occasione, scardina la difesa etnea andando vicina al gol. Lo Zafferana, invece, nei 15’ iniziali si vede solo con tiri dalla distanza, tutti peraltro sventati da un’Adriana Caristi in ottima forma. Al 18’, sugli sviluppi di una punizione, le ospiti passano in vantaggio sulla corta ribattuta della difesa di casa. La seconda frazione di gioco si apre con un Ganzirri sempre più vivace ma che alzando eccessivamente il proprio baricentro lascia troppo spazio alle ripartenze delle avversarie che al 14’ raddoppiano. L’esperta Ketty Talamo prova a dare uno scossone alle compagne, accorciando le distanze con una perfetta punizione. Ancora su contropiede, però, le ospiti siglano il terzo gol chiudendo definitivamente il discorso. Le ragazze dei laghi possono rammaricarsi anche per aver sprecato due tiri liberi.

Il commento della gara è affidato al capitano Adriana Caristi: “Credo sia sempre molto difficile commentare delle sconfitte, soprattutto quando l’impegno è stato al massimo. Ho visto le compagne, a fine gara, abbattute per la seconda sconfitta consecutiva, ma credo che l’importante sia continuare a lavorare per migliorarci. Anche se i risultati non lo dimostrano, ho visto una certa crescita, soprattutto dal punto di vista dell’approccio alla gara, per questo credo che presto arriveranno anche i risultati”. Domenica prossima per l’ASP Ganzirri il primo derby della stagione, che si giocherà in casa dell’Atene, fino ad ora a punteggio pieno.

 

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti