Non bastano grinta e cuore al Camaro: 3-3 il finale a Marina di Ragusa

CamaroUn undici titolare del Camaro

Il Camaro torna da Ragusa con un punto e un po’ di rammarico al termine di una gara dai tanti volti e dalle infinite emozioni. Per i neroverdi qualche buona indicazione, oltre ad una buona dose di dispiacere per avere dovuto rinviare l’appuntamento con la prima vittoria in campionato. Mercoledì inoltre gli uomini di Lucà andranno in scena nel turno di Coppa Italia sul campo del Terme Vigliatore e domenica al “Despar Stadium” affronteranno il Palazzolo nel quarto turno di campionato. Il consueto 4-3-3 ma un paio di novità tra gli interpreti nel Camaro. Confermato rispetto a domenica scorsa il pacchetto arretrato con Cappello, Morabito, Cammaroto e Mondello davanti a Mannino, a centrocampo Falcone, Assenzio e Pantano, in avanti il classe 2000 D’Amico riferimento centrale con Paludetti e Petrullo ai suoi fianchi.

Giovanni Cammaroto

Il difensore Giovanni Cammaroto (foto Maura Monforte)

Subito buon ritmo in avvio di gara e primo tentativo dei padroni di casa al 2’: su un lancio lungo, Arena riceve nei pressi dell’area, trova lo spazio per il tiro ma calcia debolmente e Mannino può intervenire. Poco dopo, al 3’, il Camaro passa: D’Amico calcia dal limite trovando la respinta di un avversario, sulla sfera che spiove si fionda Assenzio che calcia di prima e, dopo un tocco di un difensore del Marina, batte il portiere Licata. La formazione di casa fatica a reagire e prova ad impensierire Mannino solo al 12’ con la punizione di D’Agosta che termina ben oltre la traversa. Stessa sorte per il calcio piazzato dalla lunga distanza battuto da Daniele Arena al 17’. Il Camaro si rivede in avanti al 23’: corner di Mondello, girata di Cappello sotto porta e palla alta di poco. Qualche minuto dopo, al 27’, Marina di Ragusa al tiro con Baldeh ma il suo destro non crea problemi a Mannino. Nel frattempo si fa male Cappello e Lucà è costretto ad operare il primo cambio inserendo Munafò e abbassando Falcone sulla linea dei difensori. Poco più tardi ci prova Mondello dalla lunga distanza ma il suo mancino è debole e Licata fa sua la sfera.

Mondello è andato a segno anche con il Marina di Ragusa (foto Giovanni Isolino)

Al 35’ Mannino neutralizza in due tempi il tiro da fuori di Daniele Arena. Dall’altra parte, al 37’, sugli sviluppi di un corner, cross di Petrullo e colpo di testa di D’Amico che, ostacolato, manda alto. Al 38’ grande chance Per D’Agosta che, liberato in area da Maiorana, calcia di potenza sul primo palo trovando la pronta risposta di Mannino. Sul corner che segue, è Pellegrino a sfiorare il gol di testa ma la sua deviazione ravvicinata termina alta. Al 44’ Paludetti potrebbe involarsi verso la porta avversaria ma viene fermato da una segnalazione molto dubbia di offside. In pieno recupero, al 46’, il Marina di Ragusa trova il pari: cross da sinistra di D’Agosto, deviazione di Mondello e successivo colpo di testa di Pellegrino da due passi, Cammaroto respinge ma secondo l’arbitro quando il pallone ha già varcato la linea. È 1-1, punteggio su cui si chiude il primo tempo.

Marco Paludetti, centravanti del Camaro (foto Giovanni Isolino)

Nella ripresa passa poco più di un minuto e i padroni di casa completano la rimonta: il corner di D’Agosta innesca una mischia in area risolta sotto porta da Maiorana. Il Camaro protesta per un fallo su Assenzio e per una posizione di fuorigioco dell’autore del gol ma l’arbitro convalida la rete: punteggio sul 2-1. Al 10’ ancora una grande occasione per il Marina di Ragusa: Daniele Arena sfonda a sinistra e si presenta davanti a Mannino, bravo a chiudergli lo specchio, poi è provvidenziale il salvataggio di Cammaroto su Baldeh. Al 13’ Assenzio conquista un calcio di punizione dal limite, della battuta si incarica Mondello che disegna una traiettoria angolata e potente su cui nulla può il portiere avversario: il Camaro riequilibra il punteggio, è 2-2. Trovato il pari, Lucà effettua due sostituzioni inserendo Giovanni Arena per Paludetti e Costa per D’Amico. Al 17’ Munafò calcia di controbalzo da fuori senza trovare la porta. Al 19’ è provvidenziale l’intervento di Mannino sul tentativo ravvicinato del neo entrato Nicola Arena. Lo stesso attaccante di casa si vede annullare un gol al 21’ per posizione di fuorigioco dopo una gran girata al volo di sinistro.

Terme

Il Terme Vigliatore ospiterà il Camaro in Coppa Italia

Al 26’ Marina di Ragusa di nuovo avanti: punizione da destra di D’Agosta e deviazione vincente di Pellegrino, che realizza il gol del 3-2 e della personale doppietta. Subito dopo Campo rimpiazza Petrullo e sono Mondello e Pantano ad agire ai lati della punta centrale Costa. Al 36’ bella azione personale di D’Agosta conclusa con un tiro da fuori che sfiora il palo alla destra di Mannino. Il Camaro però non molla e il finale è tutto di marca neroverde. Al 43’ punizione da sinistra battuta da Mondello, Cammaroto stacca e anticipa tutti firmando il 3-3. E non è finita perché in pieno recupero la squadra di Lucà va anche ad un passo dal clamoroso successo: corner di Mondello, stavolta è Assenzio a svettare di testa ma la palla va a sbattere in pieno contro la traversa. Sfuma così la possibilità di centrare il primo successo stagionale per il Camaro, che deve invece accontentarsi di un punto colto comunque su un campo difficile da espugnare.

Il tabellino. Marina di Ragusa – Camaro 3-3 
Marcatori: 3′ pt Assenzio (C), 46′ pt Pellegrino (M), 2′ st Maiorana (M), 13′ st Mondello (C), 26′ st Pellegrino (M), 43′ st Cammaroto.
Marina di Ragusa: La Licata, Iozzia, Immesi, Bello, Chiazzese, Capozucchi, D’Agosta, Pellegrino, Maiorana (15′ st N. Arena), D. Arena (37′ st Iannizotto), Baldeh (41′ st A. Arena). In panchina: Di Martino, Belluardo, Iannizotto, Morales, Maggio, Oro, Carnemolla. Allenatore: Salvatore Utro.
Camaro: Mannino, Cappello (27′ pt Munafò), Mondello, Falcone, Cammaroto, Morabito, Paludetti (14′ st G. Arena), Pantano, D’Amico (14′ st Costa), Assenzio, Petrullo (27′ st Campo). In panchina: Sanneh, Campo, Munafò, Kah, Muscarà, Spoto, Giu. De Marco, Costa, G. Arena. Allenatore: Michele Lucà.
Arbitro: Vincenzo Falco della sezione di Siracusa.
Assistenti: Domenico Monaca della sezione di Siracusa e Michael Carpinato della sezione di Acireale.
Note – Ammoniti: 6′ pt Cappello (C), 47′ pt Immesi (M), 2′ st Mannino (C), 12′ st Capozucchi (M), 25′ st Assenzio (C), 32′ st D’Agosta (M). Recupero: 3′ pt, 4′ st.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti